Assunta a tempo indeterminato dopo un ripescaggio, ma è deceduta da tre anni

La triste storia è quella di Grazia Maria Bresolato di Vigonovo, che aveva partecipato ad un maxi concorso per un posto da infermiera nel 2012. Nel 2013, dopo un intervento, la morte

L'ospedale di Padova

La sua ambizione era di diventare infermiera all'ospedale civile di Padova, peccato che la buona sorte non sia stata al suo fianco. Come riporta il Gazzettino, Grazia Maria Bresolato amava molto il proprio lavoro di operatrice sociosanitaria, ma come tutti aspirava a coronare il proprio sogno. Ecco perché nel 2012 partecipò ad un maxi concorso indetto dall'azienda ospedaliera padovana, senza riuscire ad entrare nelle prime 400 posizioni utili.

Qualche giorno fa, un telegramma a suo nome comunicava il suo ripescaggio ed un'occupazione a tempo indeterminato proprio nell'ospedale padovano. Grazia Maria, però, era venuta a mancare qualche anno prima, nel 2013. A seguito di un intervento di mini bypass gastrico effettuato a Bergamo, la sua situazione era rapidamente precipitata: una volta dimessa e tornata nella sua casa di Vigonovo, infatti, si era sentita male e si rese necessario contattare nell'immediato la guardia medica dell'ospedale di Dolo. Il consiglio che ricevette fu quello di prendere un analgesico.

Ma la sua situazione peggiorò e il marito decise di portarla d'urgenza all'ospedale. Era troppo tardi. Nonostante le numerose trasfusioni di sangue, infatti, la donna morì il giorno successivo al ricovero. Per il suo decesso un radiologo dell'ospedale di Dolo finì sotto inchiesta, poiché non si accorse di una complicanza a seguito dell'intervento al quale era stata sottoposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A ricevere il telegramma di assunzione è stato il marito, che ha accolto tra le lacrime la notizia. L'uomo non ha potuto fare altro che contattare l'azienda ospedaliera, mettendola al corrente delle circostanze, con l'amministrazione che ha porto le proprie scuse per l'inconveniente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento