Prima zona industriale, assegnate le opere di riqualificazione: quasi 4 milioni di euro

Ripristino delle fognature delle acque di pioggia in via delle Industrie, Ferraris e Pacinotti, rinnovo dell'illuminazione, sistemazione dei marciapiedi e altri interventi sulla viabilità

Foto: Porto Marghera, immagine d'archivio

È stato assegnato il primo stralcio delle opere per la messa in sicurezza idraulica e la riqualificazione della prima zona industriale di Porto Marghera. L’importo contrattuale di 3.922.425 euro fa parte di un intervento dal valore complessivo di 8.600.000 euro, finanziato con fondi della Regione Veneto e dal ministero dello Sviluppo economico assegnati al Comune di Venezia all’interno dell’Accordo di programma per la riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa e aree limitrofe.

Le opere

Le ditte aggiudicatarie dei lavori sono la Ati Rossi Renzo Costruzioni ed Euroscavi. L’area interessata ha una superficie complessiva di circa 100 ettari ed è delimitata a sud dal canale industriale nord, a est dal canale Brentella, a ovest dall’area Fincantieri e a nord dalla linea ferroviaria Padova-Venezia e da via della Libertà, ed è attraversata dalle vie delle Industrie, Gioia, Pacinotti e Ferraris. Obiettivo principale dell’intervento è il ripristino della funzionalità delle fognature delle acque di pioggia delle vie delle Industrie, Ferraris e Pacinotti. A completamento, è inoltre prevista la riqualificazione delle vie con il rinnovo della pubblica illuminazione, la sistemazione dei marciapiedi e altri interventi sulla viabilità.

Smaltimento acque

L’intervento sulle fognature prevede, oltre al ripristino della capacità idraulica di smaltimento delle acque meteoriche, anche l’adeguamento degli scarichi sotto il profilo ambientale con la realizzazione di due vasche di prima pioggia per catturare il primo flusso di pioggia inquinato dallo scorrimento sulla superficie stradale. Per limitare lo scavo e il movimento della terra, quindi gli impatti sulla viabilità, il progetto ha privilegiato il recupero e la ristrutturazione dei collettori esistenti. Nel dettaglio, è prevista la pulizia del collettore esistente in via delle Industrie, destinato a diventare una delle vasche di prima pioggia, la costruzione di una nuova rete fognaria in via delle Industrie nel tratto finale, tra la laguna e l’incrocio con le vie Ferraris e Pacinotti, il risanamento dei collettori esistenti nelle vie Pacinotti e Ferraris.

Tempistiche 

La seconda vasca di prima pioggia sarà realizzata in via Ferraris. La nuova rete sarà allacciata ai nuovi scarichi sul canale Brentella già realizzati con il nuovo marginamento. Sarà inoltre rinnovata la rete dell’acquedotto civile nelle vie Industrie e Pacinotti, compresi gli allacciamenti. Oltre alle opere idrauliche è previsto il ripristino del marciapiede lungo via Pacinotti, nel tratto antistante al Vega, il rifacimento dell’intera illuminazione pubblica, la costruzione di una rotatoria in prossimità dell’incrocio tra le tre vie interessate dall’intervento e il rifacimento del loro manto stradale, con il prolungamento della pista ciclabile in via Ferraris. Considerata la complessità delle opere da realizzare, la durata dei lavori per l’ultimazione delle opere è stata stimata in 22 mesi.
 

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

I più letti della settimana

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: 23enne recuperato morto

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Due bagnini indagati per l'annegamento a Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento