Razzi rossi al largo di Cortellazzo: operazione di salvataggio della Capitaneria di porto

E' successo giovedì sera alcune miglia al largo di Jesolo. Un uomo sulla sessantina ha battuto la testa a bordo di una barca a vela. Sparati tre razzi per chiedere i soccorsi

Il mare era "gonfio" e certo la navigazione non era agevole, visto il vento e la pioggia fitta. E' stato in quel momento che all'orizzonte sono stati visti dei bagliori rossi al largo di Jesolo. Preoccupazione verso le 19 di giovedì per un'imbarcazione a vela che al momento del "may-day" si trovava a circa 7 miglia in linea d'aria da Cortellazzo, dove c'è la foce del Piave. A richiedere l'intervento dei soccorsi sono stati i 6 occupanti di un natante di 10 metri: per cause ancora al vaglio, uno di loro, sulla sessantina, ha battuto violentemente il capo riportando un profondo taglio al parte sinistra della testa.

Trauma cranico

Per il trauma cranico, la moglie e gli altri compagni di viaggio, tutti di nazionalità della Repubblica Ceca, hanno deciso di allertare il 118. Nel frattempo alla capitaneria di porto di Jesolo sono giunte numerose segnalazione del lancio di raggi di posizione al largo ed era già uscita una vedetta per intercettare eventuali imbarcazioni in difficoltà. Le difficoltà sono state acquite non solo dalle condizioni meteo, ma anche dal fatto che i richiedenti parlavano solo in lingua straniera. E' stata la centrale operativa del 118 a ricevere le coordinate riguardanti la posizione del natante, inoltrate subito alla capitaneria di porto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intervento della capitaneria di Venezia

L'operazione è stata coordinata dal guardia costiera di Venezia, che ha fatto uscire una motovedetta ad hoc e ha effettuato il trasbordo del ferito assieme alla moglie. Dopodiché lo sfortunato è stato riportato a terra, alla sede della capitaneria di porto di Jesolo, dove si erano nel frattempo portati i sanitari del 118. Da lì poi la corsa in ospedale, a causa del trauma cranico. Una volta giunto in terraferma il ferito è apparso cosciente, anche se visibilmente in difficoltà. In serata gli accertamenti medici del caso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Coronavirus, i dati aggiornati del 26 marzo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento