Sciopero e disagi all'aeroporto Marco Polo, quindici voli cancellati

Lo stato di agitazione è durato dalle 10 alle 14 di martedì, coinvolti i lavoratori di Save e gli handlers di GH. Adesione più alta tra questi ultimi

Sciopero al Marco Polo, i lavoratori di Save e GH hanno incrociato le braccia dalle 10 alle 14 di martedì 14 luglio. Il bollettino delle quattro ore di agitazione, secondo Save (la società di gestione dell'aeroporto), è di otto voli cancellati in arrivo e sette in partenza, tra Alitalia, Klm, Airfrance e easyJet: della notizia però, spiega la società, i clienti erano già stati avvertiti in anticipo limitando i disagi.

Inevitabili comunque alcuni inconvenienti a terra con code per check-in e deposito bagagli, oltre ad alcuni ritardi sui voli effettuati, comunque contenuti. L'adesione allo sciopero è stata maggiore tra gli handlers di GH, una delle tre società di servizi a terra dell'aeroporto veneziano, che si occupano di servizi ai bagagli e alle piste d'atterraggio: Usb Venezia aveva già denunciato nelle settimane scorsa come l'intera gestione occupazionale degli handlers nello scalo fosse a rischio, per prevedibili nuovi esuberi. I dipendenti di Save invece hanno chiesto di rivedere i trattamenti inerenti la flessibilità e il lavoro stagionale.

La società aeroportuale nei giorni scorsi aveva avvertito di possibili rallentamenti nelle consuete procedure di assistenza ai passeggeri e agli aeromobili, invitando tutti i clienti a contattare la compagnia aerea, il tour operator o l’agenzia di viaggi per informazioni sullo stato del proprio volo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

Torna su
VeneziaToday è in caricamento