Secondo focolaio di aviaria nel Veneziano: "Capi abbattuti, nessun pericolo per l'uomo"

L'Ulss 4 ha specificato che si tratta di due allevamenti rurali, gestiti da privati. Sono 9 in tutto i casi accertati tra Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna

Dopo il primo focolaio di influenza aviaria manifestatosi in questi giorni in un allevamento di San Donà, un secondo caso è stato diagnosticato dal laboratorio dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie. Si tratta di due piccoli allevamenti rurali a carattere familiare, entrambi nello stesso Comune, consistenti in una ventina di capi avicoli complessivi.

I Servizi veterinari del Dipartimento di Prevenzione sono prontamente intervenuti applicando ogni misura cautelare utile ad impedire l’eventuale trasmissione della malattia tra volatili. Entrambi i focolai sono stati rapidamente contenuti attraverso l’abbattimento di tutti i capi sensibili presenti.

Come di routine il personale dei Servizi veterinari prosegue nelle attività di monitoraggio negli allevamenti industriali presenti nel territorio di competenza e, dopo i casi riscontrati, sono stati assunti provvedimenti per limitare la circolazione di animali delle specie avicole nella zona di protezione (un raggio di 3 chilometri dal focolaio) e nella zona di sorveglianza (un raggio di 10 chilometri dal focolaio).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con questi due episodi accertati, i casi di influenza aviaria tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna, salgono a nove. Il contagio avvenuto nei due casi riscontrati in questo territorio è derivato con ogni probabilità dalla trasmissione del virus trasmessa da animali selvatici. "Si coglie l'occasione per ricordare agli allevatori di avicoli a carattere familiare - puntualizza il direttore del servizio veterinario, Rodolfo Viola - di tenere gli animali al chiuso e di somministrare loro acqua e alimento sempre in zone non accessibili a volatili selvatici. Si ricorda infine che al momento non è stata dimostrata alcuna connessione tra virus il virus H5N8, responsabile dell'influenza aviaria, e quelli umani, pertanto la popolazione può star tranquilla: non vi è pericolo di contagio".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento