Seppie illegali, scoperto traffico da 22 tonnellate destinate a Chioggia

Si tratta di pesce congelato privo di tracciabilità, sequestrato dalla polizia marittima della città clodiense. In tutto disposti 3mila euro di sanzioni

Tonnellate di materiale ittico senza etichetta: la sezione polizia marittima della capitaneria di porto di Chioggia è stata impegnata in gennaio in una complessa operazione, che ha portato a scoprire un traffico illegale di 22 tonnellate di seppie congelate provenienti dalla Francia e destinate a una ditta import-export di Chioggia. Prodotto ittico che è risultato privo di tracciabilità ed etichettatura: mancavano infatti i dati relativi a numeri di lotto e i dati relativi alle unità da pesca francesi che avevano materialmente pescato le seppie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci sono voluti accurati controlli ed un capillare lavoro di indagine per ricostruire la provenienza del prodotto: a conclusione delle operazioni sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 3mila euro. A pagare saranno sia ditte francesi che ditte italiane. Il pesce, opportunamente rietichettato, è stato dissequestrato dal personale della ASL di Chioggia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento