Seppie illegali, scoperto traffico da 22 tonnellate destinate a Chioggia

Si tratta di pesce congelato privo di tracciabilità, sequestrato dalla polizia marittima della città clodiense. In tutto disposti 3mila euro di sanzioni

Tonnellate di materiale ittico senza etichetta: la sezione polizia marittima della capitaneria di porto di Chioggia è stata impegnata in gennaio in una complessa operazione, che ha portato a scoprire un traffico illegale di 22 tonnellate di seppie congelate provenienti dalla Francia e destinate a una ditta import-export di Chioggia. Prodotto ittico che è risultato privo di tracciabilità ed etichettatura: mancavano infatti i dati relativi a numeri di lotto e i dati relativi alle unità da pesca francesi che avevano materialmente pescato le seppie.

Ci sono voluti accurati controlli ed un capillare lavoro di indagine per ricostruire la provenienza del prodotto: a conclusione delle operazioni sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 3mila euro. A pagare saranno sia ditte francesi che ditte italiane. Il pesce, opportunamente rietichettato, è stato dissequestrato dal personale della ASL di Chioggia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio all'hotel Excelsior: fiamme in cucina nella notte

  • Sport

    L'Ascoli ricaccia il Venezia nell'incubo playout: fatale il rigore trasformato da Ardemagni

  • Incidenti stradali

    Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Attualità

    Meteo: previsto un picco di acqua alta di 105 centimetri

I più letti della settimana

  • Schianto tra auto e tram sul ponte della Libertà, traffico bloccato a piazzale Roma

  • Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Ciclista investito finisce a terra e perde la vita

  • Attenzione all'esodo di Pasqua: le previsioni del traffico in autostrada

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento