Sequestrate oltre 2mila bambole cinesi prodotte con una sostanza tossica

I funzionari dell'Agenzia delle dogane hanno denunciato la ditta importatrice e tolto dal mercato gli esemplari pericolosi per la salute, caratterizzati dalla presenza di "esteri orto oftalici"

Maxisequestro di bambole "made in China" oggi da parte dell'Ufficio delle dogane di Venezia. Sono stati ritirati dal commercio 2mila 430 giocattoli "Doll Set" perché non conformi ai requisiti di sicurezza relativi alle sostanze chimiche utilizzate. E' stata riscontrata, infatti, la presenza di "esteri orto oftalici", vietati fin dal 1991. Sono materiali utilizzati per favorire la produzione della plastica e dannosi per la salute.

La società importatrice è stata denunciata ed è stato disposto il ritiro dal mercato della merce. Soltanto in Italia nel 2010 la guardia di finanza ha sequestrato ben 8,8 milioni di giocattoli pericolosi (+55,8% rispetto al 2009) e 10,3 milioni di giocattoli contraffatti (-7,6% in confronto all'anno precedente). Un fenomeno in forte crescita che si è tentato di arginare tramite la convenzione "Giocattolo Sicuro", entrata in vigore tramite decreto legge nel 2011.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento