Sgomberata l'ex Malteria a Marghera, all'interno 7 abusivi. Sarà abbattuta in 4 mesi

Lo stabile situato nella banchina dell'Azoto a periodi alterni ha ospitato abusivamente fino a 30 persone. L'intervento della polizia locale per liberare la struttura e un agente

Il commissario capo della polizia locale Gianni Franzoi

All'interno c'erano 7 cittadini di nazionalità romena che occupavano abusivamente lo stabile, tra loro anche una donna. Sono le persone davanti alle quali si sono trovati gli operai che stavano procedendo ai lavori di demolizionedell'ex Malteria, immobile situato in banchina dell'Azoto a Marghera, di proprietà dell'Autorità portuale.

L'intervento della polizia locale

Dopo la denuncia-querela presentata dalla società proprietaria, sono intervenuti gli operatori della polizia locale operanti nell'ambito del programma Oculus, che hanno provveduto allo sgombero dei locali. All'interno dell'area, oltre a diverse decine di biciclette ridotte a rottame e a tonnellate di immondizie, è stato rinvenuto e sequestrato un ariete artigianale utilizzato per scardinare la serrature delle abitazioni.

«Anche 30 persone all'interno»

«L'operazione segna un momento importante nell'ottica della sicurezza urbana nel territorio - dichiara il commissario capo della polizia locale, Gianni Franzoi -. All'interno dell'ex Malteria, in alcuni periodi dell'anno, trovavano infatti rifugio fino a trenta individui che, nel migliore dei casi, vivono di espedienti». Le operazioni di abbattimento, che dureranno circa quattro mesi, saranno sempre controllate dalle pattuglie di polizia locale operative nella zona di Marghera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si è spento il sorriso più bello: Caorle stretta nel dolore per la morte di Juri

  • Ciclista travolto e ucciso da un'auto

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

  • C'è un nuovo ristorante con due stelle Michelin a Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento