Cavallino:"Se Brugnaro vende i quadri ci spetta una percentuale"

Il primo cittadino di Cavallino-Treporti Roberta Nesto ha rivendicato la percentuale del 6,82% sul patrimonio veneziano spettante al litorale nord

Se Venezia vuole veramente vendere i suoi capolavori, ora dovrà passare sotto le grinfie del comune di Cavallino-Treporti. Come riporta Il Gazzettino infatti, il sindaco di Cavallino ha rivendicato una percentuale sulle opere d'arte che il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro avrebbe intenzione di vendere.

Più precisamente al litorale spetterebbe il 6,82%, cioè la famosa percentuale di patrimonio veneziano spettante al litorale nord, fissata nel 2001 dalla Provincia con una delibera di giunta e confermata anche dalle recenti sentenze del Consiglio di Stato. Un ulteriore paletto quindi si è messo tra Brugnaro e la vendita dei capolavori di Klimt e gli Chagall.

A dichiarare la volontà di far rispettare la percentuale è stata direttamente il sindaco di Cavallino-Treporti. Roberta Nesto infatti, ha dichiarato che se Brugnaro vorrà veramente vendere le due opere d'arte, il suo comune esigerà la sua parte. La provocazione del primo cittadio arriva dopo le polemiche tra il sindaco di Venezia e il Ministro dei Beni Culturali che ha liquidato l'idea di Brugnaro facendola passare solamente per una boutade.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento