Arresti tra Veneto e Friuli per traffico di droga

Operazione dei carabinieri in varie province. A Mestre c'era uno dei canali di approvvigionamento

Cinque persone tra il Friuli e il Veneto sono state sottoposte ad altrettante misure di custodia cautelare eseguite stamattina dai carabinieri della compagnia di Sacile (Pordenone). Gli arresti sono legati ad un traffico di eroina e cocaina che ha portato all'arresto in tutto di 13 persone tra italiani, nigeriani e albanesi: alcuni di questi erano stati effettuati, in flagranza di reato, nei mesi scorsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini, infatti, erano state avviate già a novembre 2019 e avevano il fulcro in N.W., una 25enne italoamericana residente ad Aviano che si muoveva spesso in compagnia di una coppia del Pordenonese. La donna si dedicava sia al consumo che allo spaccio di cocaina ed eroina, procurandosela da vari fornitori. I carabinieri sono risaliti ai pusher, sia italiani che extracomunitari, i quali gravitavano a Mestre, Pordenone, Sacile, Conegliano, Vicenza, Padova e Rovigo. A Mestre, in particolare, è stato individuato uno spacciatore, nigeriano e senza fissa dimora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento