Fugge contromano e scaraventa a terra un poliziotto, denunciato

Trentenne nei guai lunedì a Jesolo. Località balneare controllata palmo a palmo per evitare disordini. Il sindaco: "Peccato per le lunghe code"

Spintona il poliziotto facendolo cadere per terra. Si conclude con una denuncia per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale il breve inseguimento contromano davanti agli occhi dei passanti per un 30enne di nazionalità marocchina che lunedì pomeriggio, a Jesolo Lido, ha cercato di seminare la pattuglia delle forze dell'ordine che stava controllando la zona di via Silvio Trentin. A un certo punto, infatti, il 30enne ha all'improvviso invertito il proprio senso di marcia mentre pedalava in sella a una bicicletta, con il solo risultato di attirare ulteriormente l'attenzione su di lui. Il fuggitivo si è quindi rifugiato in una sala giochi, aggredendo l'agente per evitare i controlli. Il poliziotto è dovuto ricorrere alle cure mediche, mentre il nordafricano è stato invece caricato a bordo della volante e accompagnato in commissariato per accertamenti.

Dal posto di polizia di via Aquileia è quindi uscito con la doppia denuncia a piede libero. Del resto durante il lunedì di Pasquetta il numero di operatori di sicurezza per le strade jesolane era stato incrementato di molto dal questore Angelo Sanna. Quarantacinque gli operatori tra polizia di Stato e carabinieri, ai quali si sono aggiunti 6 agenti della polizia locale, impiegati da mezzogiorno a mezzanotte per evitare i disordini degli scorsi anni durante la "Pasquetta alcolica". Il dispositivo si è articolato in presidi "statici" tra via Nievo e l’accesso al mare da piazza Mazzini, e in servizi "dinamici" con pattuglie interforze. Dieci le persone denunciate per il consumo di alcol all'aperto, dopo l'ordinanza ad hoc del sindaco Valerio Zoggia. Praticamente nessuno è stato quindi sorpreso con le bottiglie in mano, anche se i giovani che hanno raggiunto l'arenile erano moltissimi. Anche con pullman dal Vicentino, Padovano e Veronese.

"Sono soddisfatto per come ha funzionato l'ordinanza anti alcol emessa dalla Giunta - ha commentato il primo cittadino - E' stato un provvedimento ad hoc che non si ripeterà durante la stagione. Peccato per le code e i disagi che hanno sopportato migliaia di automobilisti. Certo, se ci vedessimo obbligati a replicarla valuteremo se ripristinarla in occasione di weekend particolari in cui c’è il rischio che si possano ripetere scene poco edificanti che, fortunatamente, quest’anno sono rimaste solo un brutto ricordo. Jesolo vuole essere sempre di più una città ospitale". Sulle code che hanno tenuto in ostaggio migliaia di automobilisti fino a sera inoltrata il capo della Giunta jesolana è chiaro: "Peccato che lunedì non fossero presenti i detrattori dell’Autostrada del Mare - attacca - avrebbero, forse, capito quanto una infrastruttura come quella che speriamo venga comunque realizzata al più presto, possa portare benefici non solo a Jesolo e a chi la visita e ci viene per prendere il sole, per fare shopping, per seguire i tanti eventi che organizziamo, ma anche evitare ingorghi come quelli di ieri".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento