Spray urticante e mazzetta: alla polizia locale di Chioggia nuovi strumenti di difesa

Ad approvare la delibera la giunta comunale di Chioggia che consentirà al personale di avere in dotazione i nuovi strumenti, non armi dunque ma oggetti di difesa

Spray e mazzetta alla polizia locale. Ad approvare la delibera la giunta comunale di Chioggia che consentirà al personale di avere in dotazione i nuovi strumenti, non armi dunque ma oggetti di difesa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutela e garanzia

«Abbiamo ritenuto necessario dotare gli agenti di Polizia Locale di strumenti ulteriori di dissuasione e difesa – commenta il sindaco Alessandro Ferro – al fine di rendere più sicure ed efficaci le attività quotidiane del personale sul territorio». Commenta l’assessore alla Polizia Locale Genny Cavazzana: «Va sottolineato che tali strumenti oltre a tutelare maggiormente gli agenti di Polizia Locale, sono una garanzia anche per i cittadini in quanto pur essendo privi di effetti lesivi, assicurano una maggiore efficacia delle attività della Polizia aumentando il grado di sicurezza per la cittadinanza. Ricordo infine – conclude l’assessore Cavazzana - che l’assegnazione degli strumenti non sarà casuale, sarà fatta solo ed esclusivamente a chi effettuerà un apposito corso di  addestramento all’uso, alla formazione relativamente ai presupposti normativi che legittimino l’eventuale utilizzo di tali strumenti e che supereranno una specifica verifica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento