Stalker non accetta la rottura con la moglie, a processo due volte

Un 47enne di Fossalta di Piave alla sbarra a maggio e a settembre accusato di atti persecutori. Pedinamenti, insulti e minacce ripetute

Nei guai una prima volta per stalking. Poi una seconda volta. Un 47enne di Fossalta di Piave nei prossimi mesi sarà imputato in due processi sempre per atti persecutori. Uno a maggio sui fatti che gli vengono contestati più "vecchi", l'altro (che inizierà più tardi, a metà settembre) per quelli più recenti. L'uomo, che nel maggio 2013 venne sorpreso mentre girava per il paese nonostante si trovasse ai domiciliari, avrebbe preso di mira la sua ex moglie, una donna come riporta il Gazzettino arrivata in Italia dalla Romania.

I rapporti tra i due coniugi non sarebbero stati da subito idilliaci. Anzi. Dopo la loro rottura l'uomo non avrebbe accettato la separazione secondo il pubblico ministero, iniziando a pedinare la signora, a farsi trovare sui luoghi di lavoro. Litigi e insulti. Fino ad arrivare alle diverse denunce presentate ai militari dell'Arma. Ora si è quasi arrivati alla fase del dibattimento in Aula, ma l'obiettivo del legale difensore dell'imputato è di unire i due diversi procedimenti per arrivare a una sentenza unica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grosso giro di prostituzione in due locali: prestazioni fino a 1500 euro a notte, 5 persone in arresto

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Ladri in fuga sui tetti, braccati con l'elicottero e catturati

  • Giovedì il funerale di Sara Michieli, morta in un tragico incidente stradale

  • Schianto contro un muretto in cemento, perde la vita

Torna su
VeneziaToday è in caricamento