Suicidio a Moniego di Noale, padre 29enne si toglie la vita in casa

È stato trovato dai famigliari lunedì pomeriggio, ma ormai non c'era più nulla da fare. Poco lontano un biglietto d'addio, in cui chiedeva scusa

Una tragedia familiare consumata in un pomeriggio, una bimba di sette anni che non potrà più abbracciare il suo giovane papà: così è finita la lunga depressione di un 29 enne di Moniego, uccisosi lunedì nel suo garage.

FAMIGLIA SPEZZATA – Il ragazzo soffriva da tempo di una debilitante forma di depressione, che già in passato l'aveva spinto a cercare di togliersi la vita. Il giovane era sposato e aveva una figlia di soli sette anni; aveva un lavoro regolare, e non erano quindi i soldi a preoccuparlo (almeno non più di quanto preoccupino chiunque in questi anni difficili). Lunedì, però, la sua ombra interiore ha avuto la meglio, e sceso nella rimessa il giovane si è ucciso impiccandosi. Poco distante i suoi famigliari hanno trovato il suo biglietto d'addio, vergato dal 29enne di proprio pugno, in cui chiedeva scusa a tutti i suoi cari per il suo gesto estremo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento