Suicidio a Portogruaro, ingegnere 64enne si impicca in un cantiere

V.B., di Conegliano, è stato trovato senza vita da alcuni operai arrivati al lavoro in via Giai. All'origine del gesto un periodo di depressione

Ha lasciato un biglietto in cui chiedeva scusa alla famiglia e alla propria ditta. Poi ha preso una corda che si trovava nel cantiere in cui stava lavorando e si è impiccato a un'impalcatura. V.B., 64enne di Conegliano, è stato trovato senza vita stamattina verso le 8 dagli operai che avevano raggiunto via Giai a Portogruaro, dove è in corso la costruzione di un impianto sportivo.

L'ingegnere, dipendente di una nota ditta di Concordia Sagittaria, come suo solito arrivava prima di tutti sul posto per controllare che il cantiere fosse in ordine. Ha quindi avuto tutto il tempo di farla finita. Al momento dell'arrivo degli altri lavoratori non c'è stato nulla da fare.

All'origine dell'estremo gesto un periodo di depressione che sarebbe stato giustificato dalla vittima con un errore di pochi centrimetri nella progettazione di un manufatto. Un problema minimo, ingigantito però dalla situazione di prostrazione psicologica in cui V.B. era piombato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I benefici della cyclette, un attrezzo per tornare in forma in poco tempo

  • Il bar di Venezia che riapre con tutti gli impianti a prova di acqua alta

  • Cocaina e 70mila euro in casa: un altro arresto a Chioggia

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Volo dell’Angelo 2020, Venezia è pronta

  • Cardiologie aperte: screening e visite gratuite all'ospedale di Mirano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento