Rinviata la tassa sui rifiuti: ma la stangata arriverà a luglio maggiorata

La Veritas, che gestisce la raccolta in centro storico, avverte: "I cittadini pagheranno gli arretrati e le percentuali sui prestiti bancari richiesti dall'azienda per andare avanti"

Rifiuti a Venezia

Tutti i cittadini veneziani potranno accantonare, per il momento, il pagamento della prima rata della Tares. Il Senato ha infatti deciso di rinviare di altri tre mesi il pagamento della tassa sui rifiuti. Ma la sopresa è un'altra, che lascia l'amaro in bocca: per i continui rinvii sui pagamenti alcune aziende che gestiscono il ciclo rifiuti dovranno rivalersi, in piccola parte, sulle spalle dei cittadini. A precisarlo è la Veritas, l'azienda che gestisce la raccolta in alcune aree della laguna. "Il rinvio del pagamento a luglio - secondo una nota diffusa da Veritas -  è una decisione molto grave, che rischia di mettere in difficoltà gli utenti, costretti a pagare in un’unica rata una cifra molto elevata perché riferita a un semestre e non più a tre mesi".

Continua la nota della Veritas: "Per le aziende che gestiscono il ciclo dei rifiuti, già in difficoltà a causa del precedente rinvio ad aprile, si tratta di una decisione ancora più grave. Queste società saranno infatti obbligate a rimanere per molti mesi senza le risorse economiche necessarie a sostenere i costi dei vari servizi. Rischiano perciò di rientrare nella Tares (quindi di ricadere sulle spalle dei cittadini) anche gli eventuali oneri indotti dal ricorso al sistema bancario, necessario per assicurare i servizi di igiene urbana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Tares è un tributo amministrativo istituto dal Governo per coprire i costi della gestione dei rifiuti, per i quali, fino al 31 dicembre 2012 esistevano Tia o Tarsu, maggiorato da una quota destinata ai Comuni (da 0,30 euro a 0,40 euro per metro quadrato dell’immobile soggetto a Tares, secondo quanto deciso da ogni singola amministrazione comunale), che compensa la riduzione dei trasferimenti statali per i cosiddetti servizi comunali indivisibili, ad esempio illuminazione pubblica, manutenzione delle strade, polizia locale, manutenzione e gestione del verde pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento