Vendita dell'ex Vida a Venezia, il ministero chiede chiarimenti alla Soprintendenza

Franceschini risponde alle sollecitazioni dei residenti, che chiedevano un parere sulla cessione a privati del vecchio teatro di anatomia in campo San Giacomo

Il ministero dei Beni culturali si interessa alla vicenda della vendita dell'ex Vida in campo San Giacomo dell'Orio e risponde ai residenti. Alla Soprintendenza l'ufficio di Franceschini sollecita "valutazioni in merito alla vendita a privati" dell'antico teatro di anatomia di Venezia.

A sollevare la questione erano state alcune associazioni che avevano chiesto un parere sulla cessione della struttura, un immobile di proprietà della Regione che rappresenta il primo teatro anatomico stabile istituito a Venezia dalla Serenissima per la sezione e lo studio del corpo umano, diventato università di medicina e chirurgia al pari di Padova e in seguito anche prima scuola di ostetricia in Italia.

Da tempo le associazioni chiedono che il teatro sia valorizzato e aperto alla pubblica fruizione tramite finanziamenti europei. Dopo la stipula dell'atto di compravendita, gli attivisti si sono rivolti al ministero per chiedere che venga esercitato il diritto di prelazione, mantenendo ad uso pubblico questo luogo monumentale, sul quale dal 1920 insiste un vincolo della Soprintendenza. Diverse le iniziative organizzate per tentare di difendere un pezzo del patrimonio immobiliare veneziano, tra cui una cena in campo e un'occupazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

Torna su
VeneziaToday è in caricamento