Da esercitazione a realtà: spunta un teschio all'isola di Poveglia

Sull'isola giovedì c'era una esercitazione europea. Simulata la distruzione di un ospedale. Il giorno seguente il macabro ritrovamento

Dall'esercitazione alla realtà. Dalla devastazione di uno tsunami e di un terremoto, con morti e feriti, a un "vero" teschio umano. Nessuna finzione. Tutta realtà. Nonostante sul luogo del ritrovamento all'isola di Poveglia fino a giovedì ci fosse un ospedale distrutto dalla forza degli elementi.

Si trattava di Falck 2013, l'esercitazione europea che ha impegnato per quattro giorni squadre provenienti da diversi Paesi del Vecchio Continente. Proprio mentre lo staff stava smontando le strutture che erano servite a simulare il disastro, ecco spuntare fuori il teschio. Un ritrovamento tanto macabro quanto inatteso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche se sull'isola non è propriamente impossibile imbattersi in resti del genere. Secoli addietro, infatti, venne utilizzata come cimitero per le vittime delle pestilenze. Divenne anche una sorta di lazzaretto dove venivano portati coloro che iniziavano a dimostrare i sintomi della pestilenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento