Usava la tessera di un morto per truffare i tempi di guida: autista "furbetto" denunciato

È stato fermato poco dopo le 10 di martedì, dopo aver condotto una scolaresca in gita a Venezia. Ha cercato di giustificarsi invano: aveva usato il "trucchetto" più volte

No, non c’era un fantasma alla guida. Semplicemente un furbetto della scatola nera che, per barare sui tempi e di riposo, inseriva nel cronotachigrafo la carta del conducente di una persona scomparsa nel 2014. Si trattava di un autista di autobus turistici di una compagnia friulana, fermato martedì mattina lungo la bretella di via Martiri delle Foibe a San Donà, verso le 10, dopo aver condotto una scolaresca a Venezia.

"Il sospetto è che quando viaggiava senza passeggeri, l’autista utilizzasse abitualmente un’altra carta del conducente, strumento che attiva il cronotachigrafo registrando chi è alla guida - ha spiegato il comandante Marino Finotto - Questo evidentemente per non rispettare i regolari turni di riposo".

Il tentativo di giustificazione del conducente, ovvero di aver utilizzato per errore un tesserino non proprio, non ha retto. Lo storico del cronotachigrafo certificava frequenti utilizzi della stessa tessera, intestata appunto a una persona scomparsa da anni, nelle ultime settimane. "Un plauso alla polizia locale per aver tolto dalla strada un pericolo - ha commentato il vicesindaco Luigi Trevisiol - Quella che può sembrare una semplice notizia curiosa, infatti, è sintomo della pessima abitudine di alcuni di non rispettare i riposi alla guida, con rischi enormi per sé stessi e gli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un caso limite, in tal, senso, avvenne nell’agosto 2015 quando la polizia locale fermò un camionista, che aveva manomesso il cronotachigrafo, stravolto dalla fatica dopo aver guidato per quattro giorni consecutivi. Il conducente dell’autobus è stato denunciato alla Procura della Repubblica per falso. Subirà una serie di sanzioni amministrative sulla base dei giorni di utilizzo della tessera non propria.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento