Thetis, Pd: "L'azienda è patrimonio per la città, noi preoccupati per l'incertezza continua"

La segreteria veneziana del partito: "La mancanza di prospettive per la società di ingegneria che ha progettato il Mose e l'insicurezza per i 100 lavoratori specializzati, ci allarma"

Foto dal sito: www.thetis.it

Continuano gli appelli del Partito Democratico rivolti all'amministrazione comunale riguardo al futuro di Thetis, società cui appartiene il progetto delle dighe mobili per Venezia, il Mose. 

"Desideriamo dichiarare la nostra forte preoccupazione per il protrarsi della situazione di incertezza che coinvolge il futuro società - scrive la segreteria veneziana del partito - che ha svolto e svolge attività di eccellenza riconosciute in ambito nazionale e internazionale, e per l'occupazione dei suoi 100 lavoratori altamente professionalizzati. Thetis costituisce un patrimonio non solo per i propri azionisti, ma soprattutto per la città Metropolitana di Venezia e per l’intero paese, grazie alle diverse competenze acquisite nell’ambito della salvaguardia di Venezia e della sua laguna.

Molti sono stati anche gli appelli delle sigle sindacali rappresentative all'interno dell'azienda, fin dall'inizio della crisi che ha messo in discussione la società appartenente a maggiornaza al Consorzio Venezia Nuova, e che ha dovuto pagare il prezzo dello scandalo Mose scoppiato in laguna, oltre due anni fa.

E con essa anche i 100 lavoratori specializzati, il cui contratto è stato fino ad oggi rinnovato di periodo in periodo, senza nessuna sicurezza sul futuro della compagnia e sulla loro occupazione.

"I commissari ad oggi non hanno esplicitato quali siano le volontà strategiche rispetto all'azienda né sul fronte dei settori dedicati al territorio e all’ambiente, né sul fronte della manutenzione e gestione del sistema Mose - scrive il Pd. - Noi crediamo che Venezia non debba e non possa perdere uno straordinario patrimonio umano di giovani professionisti e che il fallimento di Thetis non significherebbe solo la perdita di posti di lavoro, ma anche l'impossibilità di riqualificare a fini produttivi l'Arsenale storico, rinunciando a rappresentare al mondo che a Venezia si può investire e innovare nel massimo rispetto per l'ambiente. Per tali ragioni riteniamo non più procrastinabile un impegno preciso da parte di tutte le istituzioni, a partire dall’amministrazione comunale, annunciando che agiremo in sede parlamentare, attraverso i nostri deputati, per sollecitare l’intervento del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Qualità dell'aria critica, doppiati i valori limite di inquinanti: si spera nelle piogge di sabato

  • Cronaca

    Barriere e dispiegamento di forze dell'ordine: 32. Maratona all'insegna della sicurezza

  • Cronaca

    Prende posto nel vano valigie e viene multato: protesta un commerciante del Lido

  • Politica

    Prima la trasferta a Roma, poi Porto Marghera: incontri ravvicinati tra Brugnaro e Gentiloni

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Mira: anziano investito in pieno da un'auto perde la vita sul colpo

  • Non risponde da ore, lo trovano morto in casa: addio prematuro al "Gian Burrasca veneziano"

  • Sissy operata a Bergamo alla testa, il padre: "Per quale ragione non è stato fatto subito?"