Travestiti da soldati prussiani con sciabole autentiche: turisti denunciati per porto d'armi

Sono stati bloccati in piazza San Marco dalla polizia: giravano con spade vietate

Non sono passati inosservati i quattro uomini che ieri passeggiavano in piazza San Marco agghindati con abiti carnevaleschi raffiguranti militari di epoca napoleonica, e più precisamente antichi soldati prussiani dei primi anni del XIX secolo. Hanno attirato, in particolare, l’attenzione di una pattuglia di agenti del commissariato locale, soprattutto perché al fianco del loro costume si intravedeva l’elsa di lunghe spade. Così i poliziotti hanno deciso di approfondire.

Il controllo è avvenuto poco prima delle 15 vicino alla torre dell’orologio: è bastata una veloce verifica per scoprire che le armi che i quattro avevano addosso, delle sciabole antiche, risultavano autentiche e che i turisti non avevano l'autorizzazione né di possederle né di portarle in giro in luogo pubblico. Così i quattro, di nazionalità tedesca, sono stati accompagnati in questura e denunciati per il reato di porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere. Uno di loro, inoltre, aveva un coltello con una lama di 10 centimetri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

WhatsApp Image 2019-03-02 at 11.55.13(1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento