«Suo figlio ha fatto un incidente»: truffata una 90enne, carabinieri bloccano il malfattore

Continuano ad agire colpendo le fasce più deboli della popolazione. Si spacciano per finti avvocati e rubano ori e denaro agli anziani. Questa volta, il responsabile, un 27enne napoletano, è stato colto sul fatto e arrestato

I carabinieri lo hanno visto uscire di tutta fretta da una palazzina di via Cosenz, un atteggiamento sospetto che li ha spinti ad effettuare un controllo di rito. L'uomo, all'atto della perquisizione, è stato trovato in possesso di gioielli femminili, compresa una fede nuziale, per il possesso dei quali non era in grado di fornire una spiegazione plausibile. Dopo una rapida verifica, i militari hanno scoperto che gli ori erano di proprietà di un'anziana signora di 90 anni che il delinquente, un 27enne napoletano, aveva appena truffato. Per il ragazzo sono scattate le manette.

Il modus operandi

Il truffatore ha scelto, come da pressi, una vittima molto anziana per mettere a punto il raggiro, il modus operandi quello oramai divenuto classico. La donna alcune ore prima del furto aveva infatti ricevuto la telefonata di un sedicente avvocato che l'aveva messa in allarme. Stando al racconto dell'uomo dall'altra parte del telefono il figlio avrebbe avuto un incidente e si trovava in ospedale. Purtroppo l'assicurazione non era sufficiente per coprire le spese, e quindi si rendeva necessario recuperare i soldi necessari per non incappare in beghe legali. A quel punto, in ansia per le sorti del figlio, ha raccattato tutto quanto in suo possesso, contanti e preziosi, consegnandoli all'impostore. Il 27enne, evidentemente non soddisfatto del bottino, si è spinto al punto di sfilare dall'anulare della signora anche la fede nuziale.

La fuga e l'arresto

Arraffato il bottino, il malfattore si è rapidamente dileguato, ma sfortuna (per lui) ha voluto che una pattuglia dei militari dell'Arma di Mestre si trovasse proprio nei paraggi. L'oro e il denaro rubato sono stati quindi recuperati e riconsegnati alla legittima proprietaria, mentre il truffatore, già gravato da precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, è stato arrestato e condotto in carcere con l'accusa di truffa aggravata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Truffa "classica"

Quella del falso avvocato, come specificano i carabinieri, è una delle truffe più classiche nei confronti degli anziani. Numerosi i precedenti nel territorio veneziano, con le vittime che oltre a essere derubate vengono anche provate dal punto di vista psicologico. Il terrore di conseguenze fisiche o economiche per il parente coinvolto li porta infatti a cedere alle richieste dei truffatori, che spesso agiscono in coppia o in gruppo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento