Inseguimento in A4 dopo l'ennesima truffa ad anziani: due in arresto al casello di Martellago

Già da un po' i carabinieri di Padova erano sulle tracce di due personaggi sospettati di derubare i pensionati sempre con lo stesso stratagemma: proponevano delle cassette di frutta, poi con mossa fulminea si impossessavano dei loro portafogli

Vendevano a buon prezzo frutta a malcapitati anziani, che poi venivano scippati: manette per due pregiudicati napoletani bloccati dopo una fuga in furgone terminata al casello autostradale di Martellago. Denunce, invece, per altri due "soci".

Truffa a Padova

L'operazione, conclusasi nel pomeriggio di venerdì, è stata condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Padova. I due truffatori avevano fatto rifornimento di mandarini al mercato ortofrutticolo di Padova, caricandoli a bordo di un Fiat Doblò. Più tardi hanno individuato la propria vittima in via Puglia, sempre a Padova: si sono avvicinati ad un pensionato di 80 anni che stava passeggiando con la moglie e gli hanno offerto una cassetta di frutta, chiedendogli in cambio un'offerta. L'uomo ha estratto il portafoglio e a quel punto uno dei ladri, con mossa fulminea, ha strappato dall’interno una banconota da 500 euro. Quindi è risalito nel furgone condotto dal complice e insieme si sono dati alla fuga.

Inseguimento in autostrada

I due, però, non sapevano di essere pedinati a distanza dai carabinieri, che già da tempo sospettavano di loro. La pattuglia si è messa quindi all'inseguimento del furgone, che si è diretto a forte velocità sull’autostrada A4 in direzione di Venezia. Ne è nato un inseguimento durato per alcuni chilometri che si è concluso all'uscita di Martellago: qui i due pregiudicati sono stati raggiunti, bloccati e perquisiti. Nel veicolo è stata trovata la banconota poc'anzi rubata; per loro, inevitabilmente, è scattato l'arresto per il reato di furto con strappo aggravato.

Indagini iniziate a dicembre

Sono diversi i casi attribuiti alla coppia. Le indagini avevano avuto inizio nel mese di dicembre 2017 con un episodio verificatosi ad Arzergrande (Padova): identico modus operandi, vittima un pensionato 81enne derubato di 200 euro. Da quel momento, in base alle testimonianze dell'anziano, i carabinieri di Piove di Sacco avevano concentrato le proprie attenzioni su alcuni pregiudicati di origini partenopee gravitanti nel territorio. Avevano individuato un gruppo di quattro napoletani che alloggiavano in strutture ricettive della zona, quindi erano iniziati i pedinamenti. Il gruppo agiva sempre allo stesso modo: compravano a basso prezzo le rimanenze e gli scarti di grossi quantitativi di frutta, la caricavano nei furgoni e iniziavano a percorrere le vie di Padova e provincia, arrivando al Piovese ma anche nella zona di Mestre. I due colti in flagrante sono M.P., 34enne, e D.C., 39enne, entrambi residenti ad Afragola. Denunciati gli altri due, ossia V.F., 27enne, e C.P., 26enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento