Attenzione ai falsi volontari dell'Avis: "Non chiediamo soldi per le case"

È l'ultimo stratagemma elaborato da malviventi che cercano di intascarsi qualche soldo ingannando gli sprovveduti: diversi casi sarebbero stati segnalati nel Sandonatese

"Siamo dell'Avis, vuole fare una donazione?": è più o meno così che si presentano i truffatori, cercando di far leva sulla buona fede di qualcuno che pensa di contribuire ad una buona causa. Solo che con quei soldi l'Avis non c'entra proprio nulla: è la stessa associazione a mettere in guardia i cittadini, informando che nell’area del Veneto orientale, e in particolare nel Sandonatese, da qualche giorno alcuni sconosciuti si presentano nelle abitazioni private e nelle aziende a chiedere contributi volontari a nome dell’associazione donatori di sangue.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In proposito il presidente Giorgio Brunello comunica che nessuno è stato autorizzato a questo tipo di raccolta fondi e diffida qualsiasi persona dal presentarsi a chicchessia a questo scopo a nome di Avis. Inoltre invita gli eventuali benefattori che volessero mettere a disposizione dell’Avis delle risorse a rivolgersi esclusivamente alle sedi delle sezioni comunali o della sezione provinciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

  • Il ceppo di covid proveniente dalla Serbia è molto aggressivo. Zaia: «Preoccupati per i virus importati»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento