Entra a Palazzo Ducale con un tirapugni e un coltello nello zaino: 16enne denunciato

Un turista ungherese è stato fermato dai carabinieri in uno dei saloni dopo aver depositato i due oggetti all'ingresso. Aveva consegnato le armi in portineria. Sono state sequestrate

Il tirapugni e il coltello sequestrati

Sapeva che non sarebbe potuto entrare a palazzo Ducale con un tirapugni e un coltello nello zaino, perciò li ha depositati all’ingresso. Contava di poterli ritirare una volta terminata la visita. All’uscita, invece, li ha dovuti consegnare ai carabinieri. Protagonista un 16enne ungherese che si trovava a Venezia per trascorrere qualche giorno di vacanza.

Il giovane turista mercoledì pomeriggio, mentre si sottoponeva ai controlli necessari per visitare palazzo Ducale, ha consegnato spontaneamente il tirapugni e la lama. Gli addetti alla vigilanza lo hanno fatto passare ma, insospettiti, hanno preferito allertare i carabinieri, che hanno mandato sul posto alcune pattuglie del nucleo natanti anche in borghese. Insieme alle guardie i militari hanno rintracciato il 16enne in uno dei saloni del palazzo e lo hanno accompagnato in portineria, dove sono stati recuperati entrambi gli oggetti.

Il ragazzino è stato accompagnato al comando di San Zaccaria per essere identificato e, al termine degli accertamenti, è stato denunciato per porto di oggetti atti ad offendere. I carabinieri successivamente hanno rintracciato i genitori, che stavano visitando un altro museo in centro storico e che lo hanno raggiunto poco dopo. Il tirapugni e il coltello sono stati sequestrati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento