Troppi turisti a Venezia? Franceschini: "Sono contrario a introdurre il numero chiuso"

Il membro del governo giovedì al Lido ha spiegato che si sta lavorando per favorire un tipo di visitatori diversi da quelli "mordi e fuggi": "Le città devono continuare a vivere"

Turisti "cafoni", maleducazione e visite "mordi e fuggi". In occasione della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa "Cinema2days", attraverso cui si potrà andare al cinema il mercoledì sera spendendo solo 2 euro, il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ha commentato anche i problemi del capoluogo lagunare per la sempre più crescente mole di persone che la raggiungono. Il dibattito continua da anni: numero chiuso o no? Diversi i residenti che, esasperati, propendono per la prima ipotesi.

Il membro del governo Renzi, però, la pensa diversamente (e non è la prima volta che lo dichiara): "Non si possono immaginare città a numero chiuso, perché le città devono vivere, soprattutto città come Venezia che non è solo per turisti ma una città che vive - ha dichiarato - Si possono però immaginare forme di regolamentazione degli accessi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Franceschini ha quindi portato l'esempio di uno dei simboli nel mondo delle bellezze italiane: "Se tre milioni di persone vogliono andare contemporaneamente su Ponte Vecchio a Firenze - ha commentato - non ci stanno e quindi bisogna regolamentare. Stiamo facendo un lavoro che punta a cambiare il modello di turismo internazionale che arriva in Italia: non il turismo mordi e fuggi che non consuma, che passa senza nemmeno lasciare ricchezza dove passa, ma un turismo che punti sull'eccellenza che rispetti la fragilità dei nostri luoghi dell'arte, un turismo sostenibile compatibile con la bellezza delle città italiane. Un turista che viene in Italia a cercare la bellezza - ha concluso Franceschini - non la cerca soltanto nel Ponte di Rialto, Ponte Vecchio o la Fontana di Trevi ma la va a cercare in luoghi anche meno conosciuti". Secondo il ministro l'ultima edizione della mostra del cinema è "davvero straordinaria". "Basta leggere la stampa internazionale di oggi e dei giorni scorsi - ha spiegato - per capire la centralità conquistata e confermata dal festival".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e Veneto

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e in Veneto

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento