Cavallino Treporti, 20 mesi di Ulss 4: punto di primo intervento e nuovi ambulatori

Il direttore generale Carlo Bramezza ha fatto il punto su quanto fatto nel primo anno e mezzo dall'incorporazione del Comune nel territorio dell'azienda

A poco meno di 20 mesi dall’incorporazione del Comune di Cavallino Treporti al territorio dell’Ulss 4, il direttore generale Carlo Bramezza ha fatto il punto sui servizi socio sanitari, guardando con soddisfazione ai risultati raggiunti per i residenti del territorio. Con un pensiero ai nuovi obiettivi.

Investimenti per 800mila euro

«Siamo partiti gennaio 2017 con l’impegno di mantenere tutti i servizi esistenti - afferma Bramezza - grazie alla collaborazione di tutti, in sinergia con l’amministrazione comunale e al puntuale sostegno della Regione Veneto, siamo andati ben oltre, a volte correndo contro il tempo, basti pensare all’inaugurazione del nuovo punto di primo Intervento, realizzato a tempi di record, inaugurato il 1° luglio 2018 per dare a residenti e turisti un servizio di emergenza urgenza di altissima qualità, con un investimento di oltre 800mila euro che ha previsto anche l’acquisto di nuovi arredi e nuove
tecnologie elettromedicali».

Ambulatori nuovi e confermati

Riguardo i servizi attivati, molti sono nuovi, gli esistenti sono stati mantenuti e potenziati, per dare risposte a livello locale ai residenti. Oltre al punto di primo intervento, con la presenza di persona medico esperto in emergenza sia nel periodo estivo nelle 24 ore, che invernale nell’orario 8-20 con l’ambulanza medicalizzata, si ricorda anche la continuità assistenziale turistica diurna, con sede nel PPI, che già nel primo anno di attivazione ha
registrato oltre 3mila prestazioni. Tra i servizi ad accesso programmato il territorio dispone di 2 punti prelievo. Le attività ambulatoriali presenti, di nuova attivazione con l’ingresso sono: Chirurgia vascolare, Terapia antalgica, attività di rilevazione elettrocardiografica ed Holter; oltre a queste sono state mantenute Ortopedia, Reumatologia, Diabetologia, Otorino, Urologia, Oculistica, Dermatologia, Fisioterapia.

Altri servizi

Vanno ricordati altri servizi territoriali fondamentali, quali la neuropsichiatria infantile con circa 400 utenti in carico, la Disabilità che può contare sull’ospitalità del centro diurno l’Airone che accoglie una decina di ospiti e su diverse progettualità riabilitative per gli utenti del territorio, la salute mentale che ha attualmente in carico circa 160 pazienti, di cui una quindicina seguiti a domicilio. Ancora si segnalano il consultorio familiare e la Tutela minori, per la quale il Comune ha affidato la delega per la gestione all'azienda in linea con quanto già avviene per gli altri comuni del territorio. C'è poi il Servizio per le dipendenze che ha in carico una cinquantina di pazienti e svolge un’azione di prevenzione, cura e riabilitazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente nautico al Lido, tre morti

  • Dimentica la rete internet accesa per 4 ore: maxi bolletta da 16mila euro

  • Appartamento divorato dalle fiamme: chiusa la strada

  • Torna l'ora solare: quando spostare le lancette

  • Torna il maltempo, previsti temporali in tutto il Veneziano

  • Spettacolare inseguimento tra Caorle e San Donà: l'auto si schianta, un arresto

Torna su
VeneziaToday è in caricamento