Pavimentazione, fondamenta e copertura: ultimati i lavori di rifacimento della chiesetta di Pellestrina

La chiesa è stata restaurata da Veritas Spa con fondi dell’Amministrazione comunale. Prossimi lavori previsti al cimitero di Portosecco - San Pietro in Volta

E’ stata riaperta in queste ore la chiesetta del cimitero di Pellestrina, dopo i lavori di restauro iniziati lo scorso marzo e terminati da pochi giorni. Alla cerimonia di ri-consegna alla cittadinanza e di benedizione da parte del parroco, don Paolo, erano presenti il consigliere delegato ai Rapporti con le Isole, Alessandro Scarta “Marta”, in rappresentanza del sindaco di Venezia, assieme alla consigliera comunale Silvana Tosi.

La riapertura

«La chiesetta – ha esordito Scarta “Marta” - versava in cattive condizioni e andava risistemata, anche per motivi di sicurezza. Ringrazio la Giunta per questo intervento e i cittadini che sono qui oggi e che hanno atteso per tanti anni che venisse realizzato. E’ di grande soddisfazione per la comunità dell’isola che la chiesetta riapra proprio prima della festa di Ognissanti. C’è poi un’ulteriore buona notizia, cioè che tra qualche mese inizieranno i lavori del cimitero di Portosecco - San Pietro in Volta». La chiesa è stata restaurata da Veritas Spa con fondi dell’Amministrazione comunale, secondo quanto stabilito dalla delibera di Giunta n.300 del 2017, sulle manutenzioni straordinarie diffuse dei cimiteri di Murano e Pellestrina, e rientra nel progetto complessivo portato avanti dalla Direzione Lavori pubblici di recupero dei cimiteri cittadini.

I lavori

Tra i lavori eseguiti, si contano in particolare il consolidamento delle fondazioni della chiesa, consistito nella formazione di un anello fondazionale che garantisce una cinturazione ed un sostegno continuo dei muri perimetrali, ridistribuendo i carichi dell’edificio su una superficie del terreno più ampia. Oltre a questo, sono stati realizzati la sistemazione del manto di copertura (con la posa di una nuova guaina, la sostituzione delle tegole e non riutilizzabili e la posa delle grondaie), il rifacimento parziale della pavimentazione in porfido circostante la chiesa. Al suo interno, si è proceduto con la demolizione e ricostruzione della volta d’intonaco, è stato integrato il pavimento alla veneziana mancante, sono state restaurate e ricollocate le finestre, il portone, le panche e gli arredi ed è stato risistemato anche l’altare. E’ stata inoltre eseguita la manutenzione degli ossari A e B. Infine, c’è stato un intervento sui marciapiedi, con la sistemazione di quello esistente e la realizzazione di uno nuovo, a collegamento tra la chiesa e gli ossari A, B, C, D.

Le parole dell'assessore

L’assessore comunale ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, ha così commentato l’intervento: «La delibera approvata dall’Amministrazione stanziava 350mila euro per il recupero dei cimiteri di Murano e Pellestrina. Più di metà sono andati a Pellestrina, sia per la chiesa, che per il rifacimento della pavimentazione. Credo che si tratti di lavori importanti che danno dignità e decoro al cimitero di Pellestrina e che vanno visti in continuità con altri gli interventi eseguiti qui in precedenza, per un importo di più 100mila euro, che hanno portato alla ristrutturazione del portale di ingresso al cimitero e al rifacimento del cancello. Con soddisfazione ci siamo occupati di questo importante sito, riqualificandolo e riconsegnandolo alla cittadinanza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento