Il Comune proverà una vernice per rendere i gradini di Calatrava meno scivolosi

Un nuovo materiale dovrebbe garantire la sicurezza ai quasi 15mila passaggi giornalieri. Questa è solo una delle problematiche del ponte realizzato dall'architetto spagnolo

Il ponte di Calatrava dalla sua nascita ad oggi ha convissuto con varie problematiche. Una di queste è la sua pericolosità in caso di pioggia. I gradini di vetro infatti, con l'umidità ed il bagnato spesso diventano delle vere e proprie lastre e percorrere il ponte è simile a camminare su una lastra di ghiacchio.

Come riporta Il Gazzettino però, ora sembra che una soluzione sia stata trovata. Una vernice infatti permetterebbe a turisti e cittadini di passare da piazzale Roma ella stazione senza difficoltà. Lo scetticismo però ancora una volta aleggerebbe su questa nuova trovata. Di resine e vernici infatti ne sarebbero state già provate diverse, tutte però senza grossi risultati.

Questa volta però ad esporsi sarebbe stata direttamente l'assessore al lavori pubblici Francesca Zaccariotto che avrebbe dato la sua parola sul reale funzionamento di questo nuovo materiale. Una vernice di ultima generazione quindi, dovrebbe essere la soluzione alla scivolosità dei gradini. Sembra scongiurata quindi l'ipotesi preventivata dal sindaco Luigi Brugnaro di sostituire tutti i lastroni di vetro, azione che sarebbe costata ben più denaro di quello che servirà per applicare questa nuova vernice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solo il tempo ci dirà se questo materiale innovativo, che dovrebbe garantire una grande resistenza essendo quasi 15mila i passaggi giornalieri sul ponte, scongiurerà definitivamente le cadute e le scivolate sui gradini, quello che è certo però è che il ponte realizzato dall'architetto spagnolo ha dei costi di gestione non indifferenti. Oltre al fatto che sembra che il peso della struttura "spinga" sulle due rive allontanandole (DETTAGLI), la problematica dell'ovovia è una di quelle situazioni che, nate male, rischiano di divenire una costante non più risolvibile. Lo stesso sindaco infatti, solo poche settimane fa, si era espresso in modo netto contro l'ovovia: "Gradini agevolati sul Calatrava e percorso per disabili a Venezia
Secondo me l'ovovia va smantellata - aveva attaccato Brugnaro - è fonte di sprechi e ci mette troppo a raggiungere l'altra riva del Canal Grande. Si fa prima a prendere il battello. Voglio chiarire le cose con la Corte dei Conti prima di decidere il da farsi, perché il danno erariale è sempre dietro l'angolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento