L'uomo vitruviano può partire «con precise cautele». Italia Nostra impugna la sentenza

L'opera di Leonardo Da Vinci, custodita a Venezia, verrà esposta al museo Louvre di Parigi. Il Tar ha respinto il ricorso che aveva sospeso la partenza

Uomo vitruviano

Per il Tar del Veneto, «con le dovute cautele», la partenza dell’Uomo Vitruviano, opera di Leonardo Da Vinci custodita nelle gallerie dell'Accademia a Venezia, è permessa. Verrà esposto al museo Louvre di Parigi dal 24 ottobre. Così era stato deciso prima del ricorso dell'associazione Italia Nostra, presentato l'8 ottobre scorso, contro i danni che avrebbe potuto subire l'opera durante il trasporto. Il tribunale amministrativo del Veneto si è espresso mercoledì pomeriggio respingendo la domanda cautelare «perché non sussistono i presupposti per l’accoglimento».

La sentenza

Nella sentenza viene spiegato che gli approfondimenti tecnici che sono stati svolti sono giunti alla conclusione che le criticità rappresentate possono considerarsi «risolvibili con precise cautele sulla movimentazione, sulla riduzione del numero di giorni di esposizione e con condizioni di illuminamento apposite». Ferme restando le esigenze di tutela delle opere, le scelte dell’Amministrazione, coinvolgenti molteplici interessi pubblici, possono essere censurate solo in caso di manifesta illogicità, incongruità, difetti di motivazione o di istruttoria. Nel caso in esame questi vizi non appaiono. L'amministrazione ha consentito il prestito sottolineando l’eccezionale rilevanza mondiale dell’esposizione e il valore di collaborazione e scambio tra Stati, oltre al ritorno di immagine per le gallerie dell’Accademia di Venezia, e l’implementazione dei rapporti tra Accademia e Musée du Louvre. Menzionato anche il vantaggio dello scambio avvenuto con opere di Raffaello Sanzio, destinate a una mostra alle Scuderie del Quirinale, difficilmente fruibili nel territorio nazionale. «Nel merito delle censure proposte - scrive il Tar - il ricorso non presenta sufficienti elementi di fondatezza».

La reazione

«Impugneremo l'ordinanza nelle sedi competenti - ha fatto sapere Italia Nostra -. Pur nel rispetto dei pronunciamenti degli organi giurisdizionali, esprimiamo rammarico per la sentenza emessa dal Tar Veneto e per la valorizzazione economica più importante delle esigenze di tutela». Il Gruppo 25Aprile, che organizzò un flash mob contro la partenza dell'Uomo di Leonardo, ha così commentato: «Ci inchiniamo alla ragion di Stato e alla sentenza ma siamo fieri di aver concesso almeno l'onore delle armi al grande Uomo trattato come una figurina Panini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

Torna su
VeneziaToday è in caricamento