Ulss 4, Off Limits è divertimento sicuro: torna il progetto che vigila sulle notti dei giovani

Un camper con operatori dell'Azienda sosterà al di fuori dei locali più frequentati del litorale. Un'auto medica del pronto soccorso stazionerà nelle vicinanze di Piazza Mazzini

Divertimento sicuro: ritorna anche per l’estate 2017 "Off Limits", il progetto che già da molti anni “vigila” sulle notti dei giovani per prevenire comportamenti che possono comportare rischi per le persone, in particolare a seguito del consumo di alcolici e di sostanze stupefacenti. Si conferma e si rinnova quindi l’impegno dell’Ulss 4 Veneto Orientale, dell’Amministrazione comunale di Jesolo, dell’Ascom e del Silb, con l’obiettivo di conciliare il divertimento, che è una sana aspirazione di tutti e dei giovani in particolare, con la tutela della salute e della sicurezza: un interesse di tutti, delle istituzioni preposte alla prevenzione, ma anche di chi lavora nel settore del divertimento notturno.

Il progetto prevede la presenza, nei fine settimana, di un camper che sosta in aree limitrofe ai locali di maggior tendenza, con operatori dell’Ulss che incontrano i ragazzi con l’obiettivo di diminuire il rischio derivante dall’uso di alcool e di sostanze stupefacenti: forniscono informazioni, danno consigli, effettuano l’alcol test. L’esperienza ha insegnato che è strategico riuscire a costruire degli interventi di prevenzione nei luoghi del divertimento com’è altrettanto strategico il dialogo con gli operatori e la loro collaborazione per contrastare il diffondersi di comportamenti a rischio.

Inoltre sarà operativa anche quest’anno l’applicazione “Off limits": si tratta di un’app per tablet e smartphone, disponibile gratuitamente, che permette di calcolare autonomamente il tasso alcolemico teorico inserendo le bevande alcoliche assunte, di apprendere quali sono i rischi in seguito all’assunzione di sostanze, di individuare con la geolocalizzazione il luogo in cui sono operativi gli operatori del Servizio per le dipendenze, ma in particolare offrirà la possibilità di essere avvisati con degli  “alert”  qualora si diffondano sostanze di nuova sintesi o comunque sia necessario avvisare tempestivamente gli utenti di un pericolo imminente.

La presenza di un’auto medica del pronto soccorso dell’ospedale di Jesolo, che staziona nei pressi di piazza Mazzini, assicura poi la possibilità di interventi sanitari tempestivi sul posto in caso di chiamate. Infine va segnalata l’iniziativa “Io sono Guido” dove “Guido” è il guidatore designato. Questa iniziativa prevede che a inizio serata gli educatori del Ser.D. contattino i ragazzi e chiedano a chi guida se deve riaccompagnare a casa almeno altre tre persone e se è disponibile a non bere. Se il guidatore accetta diventa il “Guido” e indosserà un braccialettino star light (fluorescente) per tutta la nottata. All’uscita del locale si avvicinerà al camper per sottoporsi all’alcoltest e se la misurazione sarà pari a zero riceverà un buono omaggio per una bibita analcolica, messo a disposizione dai gestori dei locali. Tutti i locali che aderiscono alla iniziativa esporranno un cartello al fine di dichiarare la loro adesione a questo accordo.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lo sfogo della mamma di Cristiano: "Sono stata l'ultima a sapere della sua morte"

  • Attualità

    Progetto per Marghera, due alberghi di fronte alla stazione

  • Economia

    Ospedale Dolo, Cgil denuncia situazione insostenibile. Regione: "Progetti a buon punto"

  • Attualità

    Al Candiani le più belle opere del premio Mestre di pittura

I più letti della settimana

  • Favaro stretta nel dolore per la scomparsa di Gianluca: cassiere all'Alì, aveva 37 anni

  • Tragedia a Venezia, ragazzino muore schiacciato da un muletto

  • Paga bollette del gas non sue per 2 anni: «Il contratto era palesemente falso»

  • Pediatra di San Donà muore in un incidente in Austria, grave la moglie

  • Accoltellamento davanti all'Angelo: un ferito grave, bloccato l'aggressore

  • Folla nella chiesa di Favaro per i funerali di Gianluca, morto a 37 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento