Actv potenzia le linee: corse ogni 4 minuti tra piazzale Roma e Rialto, più battelli per le isole

Nuovi orari dal 29 marzo. Rinforzi sulle linee 1, 2, 3 e 6. Introdotto l'1/. Corse nel pomeriggio per svuotare San Marco via canale della Giudecca. Idea tratta San Giuliano - Cannaregio

L'approccio vuole essere concreto: "Nulla è definitivo e tutto è perfezionabile". Tant'è. L'orario primaverile delle corse Actv porta con sé novità che potrebbero rilevarsi sostanziali per il trasporto pubblico acqueo veneziano. Dal 29 marzo, infatti, in affiancamento al servizio di vaporetti linea 1 e 2, in canal Grande, viene introdotta la nuova linea 1/ tra piazzale Roma e Rialto (dalle 9 alle 17, partenze ogni 12 minuti e fermate a Ferrovia, Riva San Biasio, San Marcuola, San Stae, Ca' d'Oro e Rialto Mercato). Tra linea 1 e 1/, nella parte iniziale del canal Grande, sarà quindi erogata con una corsa ogni 6 minuti. Complessivamente tra i due punti di maggior transito della città viaggerà un vaporetto ogni 4 minuti tra linee 1, 1/, 2 e 2/. Praticamente, ha osservato il sindaco Luigi Brugnaro, un percorso "con tempi di attesa da metropolitana".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Monitoraggio per svuotare San Marco nel pomeriggio

Nel pomeriggio, a seconda del livello di affollamento, si aggiungeranno corse di rinforzo sulla tratta San Marco - piazzale Roma tramite canale della Giudecca: l'obiettivo è svuotare l'area marciana (dalle 16.30 in poi) dirottando i turisti sulle percorrenze esterne, evitando il più possibile sovrapposizioni tra visitatori e residenti o pendolari. Le corse bis saranno attivate in base alle rilevazioni di una barca di controllo posizionata nel Bacino di San Marco con operatori di Actv e polizia locale: sarà da questo punto di osservazione che saranno comandati gli eventuali rinforzi. "E' la stessa che abbiamo sperimentato lo scorso anno in occasione dell'operazione 'onda zero' - ha spiegato il primo cittadino - un'operazione che rinnoveremo ma su cui i cittadini ci sembra si siano già autoregolati. In alcuni punti della città bisogna andare piano, per forza".

foto per actv-2

Più corse per il Lido e Murano

“Il mandato che ci aveva indicato chiaramente il sindaco – ha spiegato il presidente di Avm, Paolo Pettinelli - era quello di studiare un piano che andasse nella direzione di incrementare la frequenza dei battelli per i residenti”. Novità di conseguenza anche per le isole: la linea 6 sarà effettuata anche nei festivi sempre con frequenza 20 minuti (3 corse all'ora) e la linea 3 passa a una frequenza di 15 minuti (4 corse all'ora), garantendo un collegamento diretto e veloce rispettivamente con il Lido e Murano. L'impegno di spesa totale, ha comunicato Avm, è di circa 1 milione di euro con autofinanziamento. È stato spiegato, inoltre, che nel piano di investimenti è già inserito per il futuro il rifacimento dei pontili di piazzale Roma D ed E (fronte ex magazzini Parisi), da cui parte la linea 1, con previsione di installazione dei varchi priority destinati a residenti, studenti e lavoratori. “Con le novità in Canal Grande e sulle linee circolari 3 e 6 – ha spiegato il direttore generale di Avm, Giovanni Seno - diamo una risposta concreta alla giusta richiesta di attenzione che proviene dalla cittadinanza rispetto alla montante pressione turistica esercitata sulla città. Sulla tratta P.le Roma-Rialto viaggerà una battello ogni 4 minuti tra linea 1, linea 2 e linee 1/ e 2/. Inoltre sulla tratta Rialto-San Marco passerà un mezzo ogni 6 minuti".

Ipotesi linea San Giuliano - Cannaregio

"Sull'asse di San Giuliano vogliamo riattivare il canal Salso per avere un nuovo accesso alla città, anche in ottica di rinforzo del polo nautico - ha continuato Brugnaro - Pensiamo a un punto base con la testa di Cannaregio e San Giuliano, una linea che potrebbe essere interessante per una società privata. L'idea è di collegare meglio San Giuliano, anche in funzione di grandi eventi. L'acqua deve costituire elemento di unità, non di divisione".

E le imbarcazioni green?

"Stiamo lavorando anche per individuare un barcone a propulsione elettrica - ha aggiunto il sindaco - C'è una sperimentazione in corso. C'è un prototipo di barcone elettrico, ma il costo è troppo elevato. Ma è un obiettivo. Per i mezzi elettrici al Lido, aspettiamo di conoscere anche i costi di manutenzione delle batterie degli autobus per poi partire con il bando. Siamo quasi pronti: il progetto è rendere green Lido e Pellestrina con installazioni di ricarica". C'è anche il tema delle auto private elettriche: "A Mestre metteremo delle stazioni di ricarica riservate alle auto elettriche, uniformando la segnaletica a quella austriaca e tedesca. Serve però che il sistema prenda piede, e soprattutto serve la collaborazione dei cittadini. Quelli stalli devono rimanere liberi per le auto elettriche", ha concluso.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, crollo a Ca' Pesaro

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Ciclista travolto e ucciso da un'auto

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

Torna su
VeneziaToday è in caricamento