Preoccupazione sul vaporetto, va in avaria alla Giudecca: "Abbiamo urtato la fondamenta"

Il fuori programma lunedì verso le 17.30 all'altezza della Palanca. Un testimone: "Eravamo una cinquantina di persone. Con il vento che c'era sarebbe potuta andare molto peggio"

Il vaporetto in avaria

Il vaporetto della linea 4.2 a un certo punto è diventato ingovernabile, a causa di una probabile avaria. Momenti concitati nel pomeriggio di lunedì a Venezia, quando un battello Actv con a bordo una cinquantina di persone, almeno secondo chi si trovava a bordo, all'altezza del ponte lungo della Giudecca ha iniziato ad andare alla deriva: "Possiamo dirci molto fortunati - racconta un testimone - perché c'era vento fortissimo, quindi sarebbe potuta andare molto peggio".

L'imbarcazione Actv avrebbe urtato lievemente contro la fondamenta, senza che nessuno si facesse male: "Il vaporetto grazie anche al vento si avvicinato alla fondamenta e il marinaio è stato molto bravo perché ha lanciato una cima a un passante - continua il passeggero - a quel punto abbiamo avuto la possibilità di scendere". L'imbarcazione vuota alla Palanca ha attirato l'attenzione di diversi residenti, che si sono chiesti cosa fosse accaduto. Sul posto è stato inviato un mezzo sostitutivo che ha permesso a chi si trovava a bordo di continuare la propria corsa, mentre con ogni probabilità il vaporetto alle prese col guasto è stato portato in cantiere per le riparazioni del caso. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • L'acqua alta cancella anche la musica, sommersa la biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello

  • Investito da un camion, ciclista muore a Fiesso d'Artico

  • Cocaina fuori dal locale e in casa: coppia in manette a Mirano

  • Giovani investiti da un treno mentre camminano lungo i binari: lui grave

Torna su
VeneziaToday è in caricamento