Ciclista veneziano in difficoltà sulle creste del Visentin recuperato dal soccorso alpino

È un uomo di 45 anni partito in bicicletta dal Nevegal e che al momento di fare rientro ha perduto l'orientamento

Soccorso alpino, archivio

Scattato l'allarme, attorno alle 15 di venerdì, per un 45enne veneziano partito  con la propria mountain bike dal piazzale del Nevegal verso le creste del Visentin nel Bellunese e che, al momento di tornare verso Tassei e Piandelmonte, si è trovato in difficoltà ed è rimasto bloccato in mezzo agli schianti.

Il recupero prima della tempesta

Il soccorso alpino di Belluno è intervenuto mentre l'uomo si trovava a 400 metri di diasivello più in basso rispetto a Forcella Zoppei, tra saliscendi e tratti esposti impossibili da affrontare. Giunta in jeep, la squadra dei soccorritori ha proseguito a piedi la ricerca seguendo le coordinate Gps fornite dall'uomo. Grazie al suono del fischietto, in suo possesso, sono poi riusciti a individuarlo tra le piante abbattute. Un soccorritore è quindi tornato al fuoristrada, l'altro ha proseguito con il ciclista aiutandolo a portare la bicicletta. I due sono riusciti a raggiungere Casera Valpiana qualche minuto prima che si scatenasse la tempesta di grandine e fumini. Un terzo soccorritore è quindi andato a prenderli con un mezzo 4x4. L'uomo è stato infine riaccompagnato al piazzale del Nevegal alle 20. In tutta l'area tra Nevegal e Visentin permangono vaste zone con alberi a terra e sentieri compromessi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'acqua alta cancella anche la musica, sommersa la biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello

  • Investito da un camion, ciclista muore a Fiesso d'Artico

  • Cocaina fuori dal locale e in casa: coppia in manette a Mirano

  • Giovani investiti da un treno mentre camminano lungo i binari: lui grave

  • Portata nei bagni della discoteca e violentata, la denuncia di una 18enne

  • Auto rovesciata in fossato, un ferito

Torna su
VeneziaToday è in caricamento