Assemblea dipendenti Veritas: «Più di 20 comunicati per farci ascoltare dall'azienda»

Hanno popolato l'intera via Palazzo venerdì in centro a Mestre, davanti al Municipio, i lavoratori Veritas, in protesta con la società. Il sindaco Brugnaro intervenuto sulla questione ha detto: «Dialoghiamo»

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

È finita in strada la protesta degli operatori del servizio idrico dell'azienda Veritas. Venerdì mattina hanno popolato tutta via Palazzo, di fronte al Municipio, per ribadire che le attuali condizioni di lavoro non rispettano la dignità e la professionalità dei lavoratori. Si parte dalla «carenza di organico, per arrivare alla vetustà dei mezzi di lavoro, che non consentono di intervenire adeguatamente nei sistemi, fino al part time. Ogni anno le lavoratrici devono scommettere se verrà loro concesso o meno, pur avendo certificate situazioni famigliari di difficoltà - spiega Davide Stoppa della Filctem Cgil Venezia -. L'organico è incompleto, la sostituzione ferie viene coperta chiedendo costantemente straordinari, la situazione è pesante e non sono bastati 20 comunicati all'azienda per farci ascoltare».

I sindacati

«Iniziamo dall'ottenere la giusta considerazione nel nostro ruolo. Perché l'azienda non parla con noi del piano industriale? - Dice Stoppa -. I lavoratori chiedono corrette relazioni sindacali da tempo, da parte della società, con chi rappresenta i loro interessi e le loro richieste». «Se i sindaci dei Comuni in cui la società opera ce lo chiederanno spiegheremo i motivi della agitazione con Veritas - dice Giuseppe Callegaro Femca Cisl Venezia -. Da 4 mesi le relazioni con Veritas sono ferme, ciò che otteniamo è di essere convocati per ottenere chiarimenti sulla razionalizzazione del costo del lavoro. Muro contro muro». «L'azienda è sana - sottolinea Giorgio Rigo Uiltec Uil Venezia - e i lavoratori meritano di operare in un ambiente sicuro e sano, non si possono disattendere gli accordi, anche economici, e cancellare premi e incentivi. Gli introiti arrivano dal pagamento delle bollette degli utenti, parliamo di servizi primari».

Il sindaco

«È vero il sindaco ci ha convocato - confermano i sindacati - ci ha chiesto di non fare l'assemblea e ci ha assicurato che ci avrebbe ascoltato. Ma ci chiediamo perché solo adesso, perché solo dopo aver deciso di portare il malcontento in strada. Non rinunciamo a un diritto, ma accettiamo il dialogo». Il sindaco Luigi Brugnaro interviene sulla questione: «Cerco sempre di trovare una mediazione, lo abbiamo fatto anche con altre aziende. Resto convinto che Veritas sia ben amministrata, ma se ci sono dei problemi si può provare a cercare punti di incontro, ritorniamo a dialogare». All'assemblea anche Monica Sambo del Pd, poco tempo fa intervenuta per sollecitare il sindaco a farsi carico di questa rottura delle relazioni fra azienda e dipendenti del servizio idrico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Feriti a terra dopo l'accoltellamento, intervengono i soccorsi VIDEO

  • Campalto

    I terribili "veci" del Carnevale di Campalto | VIDEO

  • Cronaca

    Presentati 28 nuovi autobus per la flotta Actv | VIDEO

  • Cronaca

    «Uno stabilimento abbandonato a se stesso, Ilnor poteva ripartire»: la rabbia dei lavoratori

Torna su
VeneziaToday è in caricamento