Siringhe e vetri, netturbini punti dai rifiuti insidiosi. "Proteggete gli oggetti taglienti"

Appello di Veritas per evitare situazioni di pericolo per i dipendenti: l'invito è a mettere il cappuccio agli aghi e coprire lame e cocci con carta di giornale, prima di gettarli

Sono aumentati, negli ultimi tempi, i casi di netturbini punti da siringhe o feriti da oggetti taglienti gettati senza protezione nel sacchetto del rifiuto residuo. Lo annuncia Veritas, specificando che succede soprattutto a Venezia, dove i sacchetti sono raccolti a mano, ma anche negli impianti di separazione del vetro plastica lattine e metalli, dove alcune operazioni di divisione dei vari materiali sono manuali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Veritas ricorda quindi ai cittadini la necessità di proteggere con il cappuccio l’ago delle siringhe, dopo averle usate e prima di buttarle nel rifiuto residuo. Inoltre, le lame dei coltelli e ogni altro oggetto tagliente, bicchieri e specchi rotti, prima di essere messi nel rifiuto residuo, devono essere avvolti in carta di giornale o altro materiale in grado di proteggere ed evitare la rottura del sacchetto durante la raccolta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento