Nel giorno dell'amore si guarda anche al lato opposto del sentimento

Dal 1994 al 2016, 6600 donne sono state accolte dal Centro Antiviolenza di Venezia

Foto: l'incontro al Lido Break the chains

Il tema della violenza sulle donne è tornato alla ribalta proprio nel giorno della festa dell'amore, San Valentino, in un incontro al Centro Morosini agli Alberoni: “Break the chains”. Dal 1994 al 2016, 6600 donne sono state accolte dal Centro Antiviolenza di Venezia. A discuterne anche la presidente del Consiglio comunale di Venezia, Ermelinda Damiano, nell'appuntamento inserito nel programma della sesta edizione di "Lido in Love" organizzato con l'Istituzione Centri di Soggiorno del Comune.

La testimonianza

L’intervento centrale è stato la testimonianza di Lidia Vivoli, vittima di violenza. «Il Comune di Venezia – ha esordito la presidente Damiano - è attento e sensibile a questo fenomeno che è purtroppo profondamente radicato nella società e rappresenta una vera e propria battaglia culturale che necessita di essere combattuta sotto ogni profilo: educativo, giuridico e politico. Di qui l’importanza di fare rete tra tutte le istituzioni pubbliche e private». Ricordata l’istituzione, già nel 1994, del primo Centro Antiviolenza pubblico in Italia, cui sono seguite l’apertura delle Case rifugio e la sottoscrizione di importanti protocolli, come quello del 1999 con l’azienda sanitaria per l’istituzione del punto “Sos Violenza” nei Pronto soccorso degli ospedali di Venezia e Mestre con reperibilità h24 e, nell'ultimo periodo, il Protocollo operativo per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza domestica e di genere. La presidente ha fornito alcuni dati per inquadrare il fenomeno nel territorio comunale.

I dati

Dal 1994 al 2016, 6600 donne sono state accolte dal Centro Antiviolenza di Venezia. Delle 209 donne arrivate nel 2016 il 69% erano italiane e il 74% aveva almeno un figlio. Il 65% delle donne ha dichiarato di aver subito più tipi di violenza: 157 violenza psicologica, 123 fisica, 15 sessuale, 28 donne hanno denunciato stalking e molestie. Di queste solo il 20% ha sporto denuncia. «E’ importante sottolineare – ha detto Damiano - che la maggior parte delle donne vittime di violenza ha conosciuto il Centro e i servizi a loro disposizione tramite conoscenti, amici e familiari. Questo fa capire che è essenziale stare loro vicino e far capire che le istituzioni sono pronte ad accoglierle». Per quanto riguarda gli autori di violenza, la maggior parte sono maschi italiani (il 73%), il 56% partner attuali delle donne vittime, il 24% ex partner. Il 20% sono persone della stessa cerchia familiare o di conoscenze. Solo l’1,4% è sconosciuto alla donna. Nel 2017 sono state prese in carico 302 donne con un progetto di uscita dalla violenza, 220 nuove donne in primo contatto, più 82 che avevano iniziato il progetto già nel 2016, sono state 86 le attivazioni in reperibilità 24h dagli ospedali e sono state ospitate 10 donne e 13 minori in Casa rifugio. «Il più delle volte – ha detto Lidia Vivoli – noi vittime, in tribunale, veniamo vessate, giudicate e umiliate ancora, scavando nel nostro passato viene messo in dubbio il nostro comportamento. I nostri aggressori invece, il più delle volte, non finiscono in carcere e godono di attenuanti che li pongono in una posizione di vantaggio rispetto a noi. E alla fine sono in grado di colpire, ancora».

Relatori

A discutere di violenza sulle donne e a come riuscire a combatterla c’erano numerosi relatori, moderati dal giornalista Davide Scalzotto, tra cui Alberto Quagliotto, direttore del carcere di Pordenone, Paolo Giulini, presidente del Centro Italiano per la promozione della mediazione, Gabriella Chiellino, delegata per Venezia della Fondazione Bellisario, Marina Rotoli, avvocato di Fondazione Doppia Difesa Onlus, ed Eleonora Zonter, presidente del Zonta Club di Venezia. Ha introdotto i lavori Anna Brondino, Advocacy chair of Italy D28 di Zonta International e presidente dell’Istituzione Centri di Soggiorno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

  • Violenta collisione in serata, perde la vita un 53enne di San Stino

  • Barca finisce in secca, volo dell'elicottero per recuperare quattro persone

Torna su
VeneziaToday è in caricamento