Porto di Venezia, Vtp parla di calo del traffico e dei prossimi progetti

Banchine e lettrificate per i rifornimenti delle navi da crociera ed espansione in tutta Italia per la società di gestione del terminal lagunare

Mentre tra le calli di Venezia si continua a discutere sul problema grandi navi, tra ferventi osteggiatori e convinti favorevoli alle crociere in laguna, mercoledì i vertici di Venezia Terminal Passeggeri, la società che gestisce lo scalo crocieristico lagunare, hanno spiegato quali sono i prossimi progetti per il settore nel veneziano (e non solo).

CALO DI TRAFFICO - Basandosi sulle cifre dello scalo veneziano che hanno fatto segnare nel 2012 un leggero calo di traffico, Sandro Trevisanato, il presidente di Vtp ha spiegato come "oltre che alla crisi mondiale, questo calo è legato al movimento 'no-navi' e all'incertezza dei programmi dati alle compagnie, che ci ha costretto a un notevole sforzo commerciale per ridare loro sicurezza". "Il calo, in ogni caso - ha precisato Trevisanato - è legato principalmente al settore traghettti, particolarmente legato alla Grecia, ma è irrilevante per il nostro core business. Con il loro ormai prossimo trasferimento a Fusina, il traffico in bacino San Marco sarà dimezzato, passando a 650 navi, togliendo per di più mezzi sì più piccoli, ma vecchi e con deficit strutturali che provocano più moto ondoso delle grandi navi da crociera. E sarebbe possibile un ulteriore dimezzamento con l'istituzione della one-way, attraverso il passaggio nel canale Sant'Angelo-Contorta". "Cifre che non sono nemmeno paragonabili alle 12.000 navi che passavano in bacino fino agli anni novanta, prima della realizzazione del Canale dei petroli, - ha concluso - quando però nessuno protestava o le trovava brutte".

BANCHINE ELETTRIFICATE - Vtp ha inoltre depositato martedì, presso l'autorità portuale di Venezia, il progetto di “cold ironing”. È il sistema di elettrificazione delle banchine, per consentire l'alimentazione da terra delle grandi navi da crociera attraccate in banchina alla stazione Marittima. Lo hanno comunicato mercoledì i vertici di Vtp. "Anche se siamo solo concessionari - ha premesso Trevisanato - abbiamo da sempre rivolto particolare attenzione alle problematiche ambientali e, dopo aver promosso gli accordi Venice Blue Flag I e II, per l'uso di carburanti puliti, dopo uno studio di tre anni effettuato da Vtp Engineering possiamo ora illustrare questo progetto, che abbiamo presentato all'autorità portuale come contributo volontario. Lo facciamo adesso, sia per la prossima disponibilità di spazi che prima non avevamo, sia per la considerazione che il grosso del parco navi continua a utilizzare il diesel". Il progetto, che prevede tempi di realizzazione di 15 mesi, per un investimento complessivo di una ventina di milioni di euro, è stato presentato ora, con otto-nove mesi di anticipo rispetto al trasferimento dei traghetti a Fusina, per consentire di svolgere in questo periodo tutto l'iter tecnico-burocratico e partire quindi con i lavori non appena la zona sarà liberata.

PER GLI ALTRI - Vendere know how ai tanti che lo richiedono per realizzare utili da reinvestire in laguna. “Vtp é una delle poche aziende turistiche venete in grande espansione, sia nazionale che internazionale", sottolinea al riguardo il presidente. Venezia Terminal Passeggeri, forte dei molti riconoscimenti come miglior terminal crocieristico ottenuti dal 2006, si conferma società in crescita, con l'acquisizione, tra il 2011 e il 2012, della parte tecnica della gestione di quattro ulteriori porti, partecipando alle cordate su Ravenna, Brindisi, Catania e Cagliari, con quest'ultimo che offre a Vtp un affaccio sul Tirreno "e può fungere da home port - afferma Trevisanato - dando inizio a una piccola concorrenza a Barcelona". Non a caso, il management è stato ampliato, con lo sdoppiamento della figura dell'amministratore delegato: a Roberto Perocchio, che ha conservato le deleghe per i riapporti con le società partecipate, è stato affiancato Michele Cazzanti, a cui è stata affidata la parte gestionale e finanziaria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Incidente mortale di Eraclea, il motociclista aveva bevuto

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento