Aperture dei negozi nelle festività, Confcommercio: "Un fallimento”

Massimo Zanon, presidente regionale dell'associazione: "Le liberalizzazioni hanno provocato solo un aumento dei costi e dei prezzi"

Massimo Zanon

“L’apertura festiva dei negozi è un fallimento”. E’ questo in estrema sintesi il pensiero di Massimo Zanon, presidente regionale della Confcommercio, che ha analizzato la salute delle aziende commerciali del Veneto.

NEGOZI APERTI ANCHE A PASQUA: LA RABBIA DI CONFESERCENTI

AUMENTO DEI COSTI. Secondo quanto ha dichiarato il numero uno della Confederazione, il decreto di liberalizzazione voluto dall’ex presidente del Consiglio Mario Monti non avrebbe fatto altro che mettere in difficoltà le aziende, provocando solo una lievitazione dei costi, dovuto all’aumento di ore lavorate, ma non un incremento delle vendite totali del settore. "Una situazione che quindi non è servita affatto a rilanciare i consumi in regione e nella provincia ma che, anzi - ottolinea il presidente - ha provocato la chiusura di circa 170mila aziende al dettaglio". Le aperture festive, dunque, per l'associazione di categoria Sarebbero state il colpo di grazia in un periodo di crisi come questo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus: l'ordinanza per i Comuni colpiti del Veneto

  • Coronavirus: quali sono i sintomi e come comportarsi in caso di contagio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento