Federmoda denuncia: «Fatturato zero e costi vivi costanti, negozi di abbigliamento a rischio estinzione»

Giannino Gabriel, presidente di Federazione Moda Italia (FMI)-Confcommercio di Venezia e del Veneto: «Stiamo pagando un prezzo altissimo»

«A fronte di una situazione da fatturato zero e costi fissi costanti, i nostri dettaglianti non hanno la forza o i forzieri finanziari delle grandi marche, della grande distribuzione e delle multinazionali degli outlet, ma sono parte delle nostre città e della nostra economia: ignorarli significa decidere chi deve vivere e chi no dopo questa emergenza sanitaria.»

«Paghiamo un prezzo altissimo»

Ad evidenziarlo con amarezza è Giannino Gabriel, Presidente di Federazione Moda Italia (FMI) - Confcommercio di Venezia e del Veneto: «Stiamo pagando un prezzo altissimo: infatti, i negozi di abbigliamento, calzature ed accessori ordinano all'industria, un anno prima, i capi da vendere;  quelli per la campagna vendite primavera-estate 2020 sono stati consegnati fra Gennaio e Febbraio e bisogna pagarli con scadenze Marzo- Aprile-Maggio. Dove troviamo i soldi – chiede Gabriel – se ci è stata imposta la chiusura e non incassiamo nulla? Il Governo deve sollevarci, con un atto politico come una  legge speciale, dai vincoli  verso i fornitori; ci deve aiutare, perché queste merci le potremmo semmai svendere, chissà quando e se ci riusciamo. Se la situazione perdura  per diversi  mesi, mica possiamo vendere le merci estive nel prossimo inverno!».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dramma dei dettaglianti

A preoccupare i dettaglianti del settore, che in pochi giorni hanno visto dissolversi non solo la stagione estiva ma probabilmente anche quella autunnale, sono i crediti vantati dai fornitori a fronte di ordini a suo tempo fatti ed i canoni di locazione per negozi vuoti, causa la serrata imposta dalle doverose misure di contenimento del contagio. «Voglio assicurare i colleghi, che in questi giorni vivono  preoccupazione e sconforto, che la nostra Federazione sta impegnandosi, perché siano accolte le richieste di misure specifiche e straordinarie, che consentano di sospendere o almeno rinegoziare i contratti di locazione degli immobili e quelli con i fornitori dei capi, oltre alle obbligazioni legate ad utenze e adempimenti amministrativi. Si tratta di interventi legislativi senza precedenti - osserva il presidente veneto di Federazione Moda Italia – Sono misure che necessitano, in alcuni casi, stante la vigenza in materia di principi di diritto comunitario, di ricevere il nullaosta da parte dell’Unione Europea e, per quanto concerne molti contratti con fornitori stranieri, di eccezioni allo stesso diritto internazionale privato: obbiettivi tutt’altro che semplici e scontati. Tuttavia riteniamo, insieme a Confcommercio, di dover tentare tutto il possibile presso le autorità preposte per conseguire i risultati necessari ad evitare l’estinzione di una parte vitale delle nostre città con 114.813 punti vendita e 313.000 addetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento