Mercato immobiliare in leggera ripresa, ma Venezia rimane off limits

Le rilevazioni del centro studi Tecnocasa rivelano che le zone più richieste in questo momento sono quelle di Carpenedo, Marghera e Zelarino. Si assiste a una riscoperta del Lido

Secondo le rilevazioni del centro studi Tecnocasa nel primo semestre del 2011 le quotazioni delle abitazioni del centro storico di Venezia e di Mestre sono rimaste stabili. Si nota una leggera ripresa della domanda abitativa e molte persone al momento in affitto valutano la possibilità dell’acquisto. Il mercato immobiliare del centro storico lagunare interessa un target di acquirenti di fascia medio alta: stranieri (provenienti dall’Europa dell’Est e dai paesi arabi) che cercano abitazioni di prestigio soprattutto nel sestiere San Marco e anche veneziani che decidono di cambiare abitazione. I veneziani più giovani, sotto i 40 anni, preferiscono acquistare a Mestre dove le quotazioni sono più contenute. Coloro che acquistano nel centro storico di Venezia ricorrono a mutui di basso importo.

SAN MARCO - Il sestiere San Marco è quello che offre gli immobili di maggior prestigio e, di conseguenza, il più costoso. Poiché le abitazioni sono prive di ascensore esiste una buona domanda per i piani bassi. Fanno eccezione gli appartamenti all’interno di palazzi particolarmente signorili, per i quali l’ultimo piano con vista sulla città ha prezzi difficilmente stimabili. In questo sestiere le quotazioni per un’abitazione media in buono stato di conservazione costa intorno a 10 mila euro al metro quadro. Punte anche di 18mila euro al metro quadro si raggiungono per le abitazioni particolarmente signorili.

LIDO E CASTELLO - Le quotazioni scendono per il sestiere Castello (4mila-6mila euro al metro quadro) e per il sestiere Dorsoduro (3mila-5mila euro al metro quadro. Si assiste a una riscoperta del Lido, per il quale esiste anche un progetto di riqualificazione che porterà delle migliorie importanti (piste ciclabili, rive nuove).

MESTRE - Mercato completamente diverso a Mestre, dove gli acquirenti ricorrono più spesso al finanziamento per acquistare l’immobile e dove al momento molte aziende in crisi hanno fatto ricorso alla Cassa Integrazione e di conseguenza c’è incertezza tra i potenziali acquirenti. In netta diminuzione la domanda di immigrati, spesso impiegati in queste realtà lavorative: molti di essi rimandano l’acquisto e chi aveva comprato negli anni scorsi adesso decide di vendere l’immobile per difficoltà nel pagamento delle rate o per la volontà di rientrare nel paese di origine.
 
CARPENEDO - Chi acquista a Carpenedo apprezza il fatto che ci siano delle aree verdi importanti e che il quartiere sia ben servito. Questo quartiere  si è sviluppato a partire dal dopoguerra ed è caratterizzata prevalentemente da condomini e, in parte minore, da case indipendenti. Un usato in ottime condizioni ha un prezzo compreso tra 1800 e 2mila euro al metro quadro.

BISSUOLA E ZELARINO - La zona Bissuola è apprezzata per la presenza di verde e per la vicinanza al centro. Lo sviluppo edilizio del quartiere si è concentrato tra gli anni ’50 e gli anni ’80 ed attualmente un buon usato è valutato tra 1.650 e 1.950 euro al metro quadro. In forte sviluppo Zelarino, dove si trova il nuovo ospedale e dove si continuano a costruire palazzine dotate di appartamenti al piano terra con giardino, molto apprezzati dagli acquirenti. In zona sono sorti anche numerosi centri commerciali. Un buon usato costa al momento intorno a 1.300 - 1.600 euro al metro quadro.

FAVARO VENETO - Anche a Favaro si trovano soluzioni con giardino al piano terra, inoltre in questa area si possono acquistare villette a schiera, bifamiliari e singole. Una villetta a schiera usata costa tra 200 e 270mila euro mentre per il nuovo le valutazioni sono comprese tra 280 e 330mila euro. A Favaro è stata ultimata una strada che migliorerà i collegamenti con il centro di Mestre e con i quartieri di Campalto, Tessera e Dese e diminuirà il traffico che attualmente interessa la zona.

MARGHERA - Nel primo semestre del 2011 il mercato immobiliare a Marghera ha registrato una ripresa delle richieste a partire dalla primavera. I potenziali acquirenti sono soprattutto famiglie e giovani coppie, anche se si riscontrano delle difficoltà per la vendita di immobili dal valore fino a 140mila euro a causa delle difficoltà di accesso al credito. Le compravendite dal valore superiore a 200mila euro invece sono più dinamiche. L’offerta immobiliare di Marghera è molto popolare, risale agli anni ’50-’60: esiste l’area intorno a piazza del Mercato e piazza della Concordia, quella più richiesta dove prevalgono le soluzioni costruite negli anni ’50.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Grosso giro di prostituzione in due locali: prestazioni fino a 1500 euro a notte, 5 persone in arresto

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Ladri in fuga sui tetti, braccati con l'elicottero e catturati

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Torna su
VeneziaToday è in caricamento