Imprese di Venezia e Rovigo a porte aperte: largo ai giovani

Decima edizione della giornata nazionale delle Pmi, organizzata da Confindustria venerdì. Protagonisti gli studenti di medie e superiori. Focus su lotta alla contraffazione, industria 4.0 e resilienza

Gli studenti nelle imprese

Decima edizione, venerdì, della giornata nazionale delle Pmi (piccole e medie imprese), organizzata da Piccola Industria Confindustria in collaborazione con le associazioni del sistema. Protagonisti dell’iniziativa gli studenti di alcune scuole medie e superiori della Città metropolitana di Venezia e Rovigo. Quest’anno sono oltre 500 i protagonisti delle visite in azienda dedicate a studenti e insegnanti. Numerose le Pmi che hanno aperto le porte ai ragazzi di 12 scuole per raccontarsi, mostrare alle nuove generazioni cosa significa fare impresa e con quale impegno e passione sono realizzati prodotti e servizi che arrivano sul mercato.

Tradizione e innovazione

Per la prima volta anche Sistema moda Italia e Assocalzaturifici hanno aderito alla manifestazione. Grazie alla collaborazione con il gruppo tecnico Made-In, presieduto da Paolo Bastianello, come nelle due ultime edizioni si è tornati sui temi della contraffazione e dell'italian sounding. Tra gli altri focus, resilienza e industria 4.0. Tra le imprese associate che hanno ospitato i giovani: Master Italia Spa, Marsilio Editori spa, Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi, Museo della Giostra di Bergantino, Onward Luxury Group spa, Novarex spa, e altre. «Siamo impegnati a diffondere l’orgoglio di fare impresa – dichiara la Presidente del Comitato Pmi Silvia Bolla che ha visitato Novarex Spa accompagnata dal titolare Bruno Martino –. In occasione del Pmi Day i ragazzi entrano in azienda e toccano con mano la crescente complessità del nostro lavoro. Le nuove generazioni sono chiamate a una grande sfida: coniugare tradizione manifatturiera e digitalizzazione, sviluppo e sostenibilità».

Cultura d'impresa

A guidare gli studenti in visita al Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi e a Onward Luxury Group spa, il presidente del gruppo tecnico “Made in” di Confindustria, e vicepresidente del Politecnico Calzaturiero della Riviera del Brenta, Paolo Bastianello. «Il mercato online del falso registra una crescita allarmante – dichiara Bastianello –. I giovani tra i 14 e i 19 anni non sono affatto consapevoli dei danni che il fenomeno provoca allo Stato, alle imprese e alla salute dei consumatori. I ragazzi, oggi più che mai, hanno a cuore la sostenibilità in tutte le due declinazioni. Devono dunque sapere che il denaro speso nell’acquisto di prodotti falsi è consegnato alla malavita, mette a rischio la salute e l’ambiente. Educare le nuove generazioni a questi temi è un punto di partenza essenziale per diffondere davvero la cultura d’impresa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

  • Recuperato senza vita l'anziano di San Donà

  • Infermiere preso a calci e pugni da un paziente: si dovrà operare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento