Studenti al lavoro per Bortolomiol: Ca' Foscari nell'iniziativa con l'azienda del prosecco

Gli studenti del Master in Cultura del Cibo e del Vino impegnati per 30 ore in un progetto per l’azienda Bortolomiol

Una no-stop di 30 ore tra mercoledì 3 e giovedì 4 luglio ha visto gli studenti del Master in Cultura del Cibo e del Vino della Challenge School di Ca’ Foscari impegnati nell’elaborazione di idee originali e innovative per la comunicazione del progetto di residenza d’artista al centro delle celebrazioni per il settantesimo anniversario di Bortolomiol, azienda storica produttrice di Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore. Qualche giorno prima del riconoscimento dell’area del Prosecco Superiore a Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco, nella cornice del Parco della Filandetta, l’hackathon ha avuto l’obiettivo di coniugare arte, vino e valori dell’azienda, a partire dall’opera “Cocoon” dell’artista tedesca Susken Rosenthal, selezionata tra oltre 300 pretendenti alla residenza. Varie le idee messe in campo: nuovi concetti di packaging ispirati a Cocoon, eventi in grado di contaminare mondo del vino e dell’arte, iniziative di comunicazione multicanale in grado di coinvolgere appassionati ed esperti, in Italia e all’estero, tramite iniziative online e offline, eventi e manifestazioni sul territorio di Valdobbiadene.

Il laboratorio

Sotto la guida dei docenti e degli esperti del master, di Maria Elena ed Elvira Bortolomiol, rispettivamente presidente e vice presidente della cantina, dello staff di comunicazione dell’azienda e di Chiara Isadora Artico di Current Corporate, curatrice della residenza d’artista, i gruppi di studenti hanno esplorato le possibili traiettorie di valorizzazione dell’opera della Rosenthal. Nel corso della notte di lavoro, inoltre, gli studenti hanno comunicato sui principali social le attività in corso e partecipato a contest che hanno consentito all’hackathon di essere promosso in tempo reale. «La disponibilità e l’apertura di Bortolomiol–che ringraziamo a nome del master e di Challenge School–sono stati fondamentali per portare a compimento il percorso di formazione dei nostri studenti» spiegano Christine Mauracher e Vladi Finotto, co-direttori del master. «L’Hackathon ha consentito ai ragazzi di mettere in pratica le conoscenze acquisite durante il percorso di formazione e testare le loro capacità in una sfida “reale”. Dalla loro, gli studenti hanno mostrato di possedere creatività e idee originali utili a rinforzare l’associazione del brand Bortolomiol al mondo dell’arte e della cultura e a ridefinirne il posizionamento. L’auspicio è che le idee maturate in queste trenta ore siano adottate e sviluppate nei prossimi mesi dall’azienda». L’hackathon in collaborazione con Bortolomiol è stato il pilota dei laboratori di innovazione congiunta tra studenti, esperti e imprese che dall’anno prossimo rappresenteranno un punto fermo dell’offerta didattica del master in Cultura del cibo e del Vino - promuovere l’eccellenza del made in Italy. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento