Ovazione per "Bella Addormentata", Bellocchio: "Non sono ecumenico"

Il film che impernia le proprie vicende sulla morte di Eluana Englaro fa il pieno di consensi: "Sono stato aggredito e coinvolto da quello che vedevo e sentivo, ma non volevo fare un film a tesi"

"Ho fatto questo film, la "Bella addormentata", perché sono stato aggredito e coinvolto da quello che vedevo e sentivo, ma non volevo fare un film a tesi, anche se credo che osservando bene si capisca la mia posizione. Non volevo dunque essere ecumenico né dire che tutti hanno ragione ma neppure disprezzare le diverse posizioni".

 

Così Marco Bellocchio ha iniziato la conferenza stampa del suo film 'Bella addormentata' in concorso in questa 69esima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Accolto dagli applausi e da una standing ovation insieme al cast, il regista de 'I pugni in tasca' si è intrattenuto lungamente sui temi del film, che racconta attraverso storie parallele la vicenda di Eluana Englaro.

 

C'é chi ha visto nel film uno sguardo di comprensione verso i cattolici: "Non mi sono convertito ma la mia posizione resta laica. Non sono voluto entrare nel merito della fede ma non c'é neppure un atteggiamento che vuole conciliare e salvare le varie posizioni. Insomma, non voglio condannare chi ha fede, anche se io non la ho". Mentre ad un rappresentante de 'La casa dei risvegli', che ha sentito minacciata la sua struttura perché non rappresentata nel film, Bellocchio ha replicato: "E' un problema molto delicato. Questo film non è una bandiera con una tesi. Io ho una mia idea, ma sono un artista e devo essere libero di immaginare. Quello che lei dice obbligherebbe un film a rappresentare tutte le posizioni ma questo non si può fare. Comunque, non credo che 'Bella addormentata' sia una minaccia alla cura".

 

In ogni caso il film arriva al Lido in un momento molto particolare: a pochi giorni dai funerali del cardinal Martini: "Sono stato molto colpito dalla conclusione della sua vita - ha dichiarato il regista - Non è in discussione la sua fede ma chiedere una sedazione e un non accanimento terapeutico è una cosa che mi ha colpito molto. Anche nel mio film, Papa Wojtyla dice: 'Lasciatemi tornare alla casa del padre'".

Il 7 settembre è previsto il primo incontro tra Marco Bellocchio e Peppino Englaro. Accompagnato dall'attrice Alba Rohrwacher, Bellocchio presenterà al pubblico la pellicola al cinema Visionario e terrà un dibattito al termine della proiezione. Il film è stato girato a Udine lo scorso autunno, con la collaborazione della Fvg Film Commission. (Ansa).

 

IL TRAILER DEL FILM

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento