giovedì, 28 agosto 19℃

←Tutti gli eventi

Venetian Centre for Baroque Music a Venezia

Alberto
Inserito da Alberto 22 maggio 2012

Presso 12 location a Venezia Dal 16/06/2012 Al 16/09/2012

Con il cartellone del Festival Monteverdi Vivaldi 2012 - «I Furori della gioventù» al via a Venezia la seconda stagione del Venetian Centre for Baroque Music. Che tra concerti, incontri, pubblicazioni scientifiche e discografiche raddoppia i numeri del 2011. L'inaugurazione il 16 giugno con Les Arts Florissants e il Terzo Libro dei madrigali di Claudio Monteverdi al Ridotto di Venezia.

Il Venetian Centre for Baroque Music raddoppia. Con il concerto de Les Arts Florissants del prossimo 16 giugno 2012 al Ridotto di Venezia, seconda tappa del ciclo pluriennale dedicato ai madrigali di Claudio Monteverdi, il nuovo Centro veneziano inaugurerà il Festival Monteverdi Vivaldi 2012 - I Furori della gioventù, che animerà la vita musicale del capoluogo lagunare fino al prossimo 16 settembre.

Un cartellone che colpisce anzitutto per il dato numerico. A dispetto delle difficoltà nel reperimento delle risorse, diffuse e ingenti nell'Italia d'oggi, il Centro si ripresenta al pubblico raddoppiando il numero di eventi rispetto alla prima edizione e ampliando una rete di partnership culturali già di assoluto rilievo.

I Furori in sintesi: 70 gli eventi, a Venezia e in Italia, ma anche in Belgio, Francia, Austria, Germania, Norvegia, Stati Uniti etc.; più di 60 i partner internazionali di 18 Paesi del mondo, dal Bozar di Bruxelles alla Bibliothèque nationale de France, dai Festival di musica antica di Innsbruck, Utrecht, Siviglia alle etichette discografiche Glossa e Naïve; 6 i partner pedagogici, tra i quali spiccano i nomi di Università Ca' Foscari di Venezia, Haute Ecole de Musique de Genève e Spazio&Musica - Festival di Musica Antica di Vicenza; 11 i suggestivi luoghi veneziani che ospiteranno i concerti, da Palazzo Pisani Moretta a Punta della Dogana (Fondazione François Pinault), da Ca' Corner della Regina (Fondazione Prada) al Teatro La Fenice (sede di ben sei appuntamenti).

«Intitolare il festival 2012 I Furori della gioventù ci è sembrata la scelta più naturale considerando quanti giovani abbiamo visto presenti alle nostre manifestazioni dello scorso anno», commenta la scrittrice Donna Leon, presidente di un Comitato d'Onore che annovera, tra gli altri, anche i prestigiosi nomi di Cecilia Bartoli, Gilles Etrillard, Constance de Polignac, Vikram Seth, Federico Spinola e Axel Vervoordt. «Giovani appassionati, diremmo quasi 'assetati', di musica barocca veneziana ed attenti, partecipi, vivaci, entusiasti. E la loro presenza è stata, ed è, per noi fonte di orgoglio e di soddisfazione e costituisce una forte motivazione per continuare a percorrere il cammino intrapreso.»

Ed è un giovane, il direttore artistico Olivier Lexa, a incorniciare e giustificare storicamente l'originale scelta del Centro. «Quando nel 1629 Giovan Battista Manzini, membro dell'Accademia degli Incogniti, pubblicò a Venezia I Furori della gioventù», precisa Lexa «egli rese omaggio, in piena fioritura del barocco musicale, alla forza di un linguaggio nuovo. Oggi le sue parole suonano con la medesima attualità e ci spingono ad incoraggiare i giovani artisti ad abbracciare il movimento della rinascita della musica italiana. La gioventù - l'età in cui tutto è possibile - sarà quindi il tema del nostro secondo festival: da Monteverdi a Vivaldi illustreremo l'ardore col quale il repertorio veneziano influenzò l'Europa intera.»

Ecco allora prime esecuzioni in tempi moderni, opere giovanili di compositori celebri o ingiustamente dimenticati, scene d'opera scelte per illustrare l'influenza dello stile veneziano oltre i confini della Repubblica ma anche oltre il periodo barocco, appuntamenti monografici dedicati a strumenti e forme tipicamente 'veneziane', ma anche iniziative pedagogiche, un concerto straordinario nei 400 anni dalla morte di Giovanni Gabrieli e una giornata internazionale di studio su Venezia come 'città della musica'.

Tra gli interpreti i prestigiosi nomi di Les Arts Florissants e Paul Agnew, Gabriel Garrido, Roberta Invernizzi, Claudio Cavina; dei virtuosi Roberto Loreggian, Jean Tubery e Francesco Galligioni; degli studiosi Michael Talbot, Ellen Rosand, Jean François Lattarico e Wendy Heller; dei giovani (anche anagraficamente) componenti degli ensemble Il gene barocco, In Alto, L'Estravagante, Bel Ayre, Les Musiciens du Paradis, Scherzi Musicali, così come di alcuni tra i più apprezzati solisti emergenti del panorama internazionale: Alice Foccroulle, Maïlys de Villoutreys, Benjamin Alunni, Ronan Khalil, Elisabetta Bocchese, Miriam Albano, Mariana Flores, Nicolas Achten e Leonardo Garcia-Alacorn.

«Abbiamo condiviso tutto ciò con chi ci ha apprezzati, decidendo di partecipare insieme a noi all'esperienza del nostro secondo festival», conclude Fabio Moretti, presidente del Centro. «Vanno ricordati in particolare il Comune di Venezia, il Teatro La Fenice, la Fondazione François Pinault, la Fondazione Prada, l'UNESCO, l'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e i nostri numerosi amici veneziani. Ad essi e agli altri sostenitori va il nostro ringraziamento.»

Biglietti (20 € - 10 € per giovani fino a 26 anni) e abbonamenti (6 concerti a scelta 100 € - 50 €) potranno essere acquistati anche on-line dal sito del Centro. Il concerto di apertura del 16 giugno sarà su invito.

Per informazioni, prenotazioni e acquisti: tel. 041 3093379, www.vcbm.it, e-mail contact@vcbm.it.

Nell'anno dei "furori della gioventù" il Centro di Musica Barocca di Venezia aderisce al Progetto Giovani a Teatro, piattaforma formativa sulle arti della scena di Euterpe Venezia - Fondazione di Venezia. I possessori di GAT (giovani fino ai 29 anni), PROF (insegnanti) e TANDEM CARD (adulti che desiderano condividere l'esperienza del teatro con bambini e ragazzi minori di 18 anni) potranno accedere ad alcuni degli spettacoli in programma gratuitamente (concerto del 16 giugno) o con un biglietto di € 2,50 (concerto del 17 giugno), fino a un massimo di 20 posti, prenotando al numero verde 800.831.606. Per rimanere informati sulla disponibilità dei posti: www.giovaniateatro.it, 041 2201930, info@giovaniateatro.it.

 

Commenti

    Tutte le location di Venezia

    Per mangiare in zona:

    Tutti i Ristoranti di Venezia