Torna l'Holi Festival sulle spiagge venete: attese quattro date sul litorale veneziano

La festa dei colori più grande d’Italia approda sulle località veneziane di Caorle, Jesolo, Sottomarina e Bibione

Il Summer tour dell’Holi, il festival dei colori più grande d’Italia, dopo il successo della  tappa di Caorle, nella quale ha ospitato anche la semifinale del famoso “Huawei P Smart 2019 DoubleTap” coi migliori talenti TikTok e Instagram, è pronto a ripartire alla conquista delle spiagge simbolo del divertimento. L'Holi il festival dei colori è un autentico fenomeno di tendenza che ha attirato, anno dopo anno, grandi e piccini, giovani e famiglie per un totale di mezzo milione di Holi lovers, un'intuizione eventistica che non smette mai di stupire grazie alla sua formula d’intrattenimento fatta di pura gioia di stare insieme tra profumate nuvole di colore. Il suo successo dilagante ha richiamato addirittura l’attenzione del regista Fausto Brizzi che lo ha inserito nel film “Forever Young”, l’unico Holi ad esser entrato nelle sale cinematografiche.

Le date

Ed ecco che per agosto, mese delle ferie per antonomasia, gli event manager hanno programmato quattro date imperdibili sulle più belle spiagge venete, mete della movida. Esplosioni arcobaleniche sabato 10 al Double Flavor Music Festival sulla spiaggia della Madonnina di Caorle, dalle ore 15 fino alle 20 il palco dell’Holi scatenerà tutti i vacanzieri con la sua squadra professionista del divertimento formata da Dj Ms (il dj ufficiale di Nitro), Edoardo Pontecorvi e Bruce Blayne. A ritmare i countdown e scatenare il popolo dei colori anche le voci di Moova di radio Piterpan e Mattia de Luca. Il giorno dopo, domenica 11 si balla invece sulla sabbia dorata della spiaggia di Piazza Brescia a Jesolo, alla consolle anche il dj resident King’s. Martedì 13 agosto di nuovo “on the beach”, meta Sottomarina, al Sand Beach dalle ore 17 fino mezzanotte inoltrata e infine, domenica 25 sbarca a Bibione, sulla spiaggia di Piazzale Zenith dalle 18 in poi, entrata libera. Media partner ufficiale è Radio Piterpan che seguirà tutto l'arcobalenico Summer Tour.

Il festival

Come funziona il festival è ormai noto a tutti, tanta musica dalla consolle dei dj, il vocalist che annuncia il countdown e alla fine tutti che lanciano in aria o addosso le polverine colorate e via si balla e si canta tutti insieme, ma pochi sanno da dove derivi questo format che ha ispirato i due event manager. Durante la festa indiana denominata “Holi” interi popoli dei villaggi dell’India, Bangladesh, Nepal e Pakistan si lanciano sacchi di polverine colorate e gavettoni per celebrare la rinascita e l’amore e la definitiva sconfitta del male in favore del bene. La ricorrenza cade i primavera ed è portatrice di messaggi di amicizia, fratellanza e amore. Lazzari e Bari: “Il nostro festival non si riduce ad un evento per divertirsi, ma è un maniera contemporanea, un veicolo per trasmettere i valori genuini di questa antica ricorrenza e soprattutto per manifestare l’anima solidale che sta alla base di tutto e per la quale abbiamo ideato il festival”.

Beneficenza

Infatti, ciò che distingue l’Holi il Festival dei colori dagli altri format che lo imitano sull’onda della viralità del fenomeno, è lo scopo solidale. Fin dall’esordio del festival, Lazzari e Bari raccolgono fondi per la Fondazione Fratelli Dimenticati che aiuta i bambini audiolesi di un villaggio in India. La Fondazione Fratelli Dimenticati è una onlus di Cittadella, nel Padovano, che finanzia un progetto a Nandanagar, un villaggio nel Nord-Est dell’India dove nel 2006 è stata istituita la Ferrando School, un istituto che accoglie bambini audiolesi con l’obiettivo di intervenire precocemente nella diagnosi e nella cura della sordità attraverso percorsi terapeutici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento