Mostra di Magdalena Abakanowicz "Crowd and individual"

L'artista polacca torna in laguna con un'esposizione incentrata sulle "Folle": appuntamento alla Fondazione Cini dal 13 aprile

Un'installazione della "folle"

Dal 13 aprile al 2 agosto alla Fondazione Giorgio Cini a Venezia, la mostra "Crowd and Individual" di Magdalena Abakanowicz.

LE "FOLLE". Abakanowicz è un’artista polacca che utilizza i tessuti come principale medium artistico. La mostra che verrà presentata sull’Isola di San Giorgio Maggiore, curata da Luca Massimo Barbero, è incentrata sul ciclo delle "Folle", di cui esistono vari esempi, diversi nel numero e nella postura delle figure rappresentate: in piedi, mentre camminano, o che stanno sedute. Costruite in vari materiali, le Folle sono state create ciclicamente dall’artista, in varie fasi della sua vita e si potrebbe dire che costituiscono la parte più importante della sua opera creativa. Le "Folle", in varie installazioni e conformazioni, sono state infatti esibite in tutto il mondo, dallo Städel di Francoforte al Museum of Modern Art di New York, e molti gruppi permanenti si trovano all’esterno, per esempio nel Raymond Nasher Sculpture Garden (Dallas), nel Millenium Park di Chicago e a Poznań. Alla Fondazione Giorgio Cini saranno esposte ottanta figure in iuta, ognuna delle quali è unica ed è stata realizzata individualmente dalla stessa Abakanowicz.

LE OPERE. Le figure saranno assemblate una vicina all’altra, a formare un gruppo di grande impatto, e il visitatore sarà libero di stabilirne l’attitudine: si tratta di un gruppo che si difende (sono vittime)? Oppure si è di fronte a una folla che attacca e che è in grado di nuocere? L’installazione è finalizzata a creare una forte tensione, mettendo un ‘potente’ gruppo ad affrontare un singolo individuo, che ha le sembianze di un animale seduto, anch’esso realizzato in iuta dall’artista. L’opera di Magdalena Abakanowicz ha per tema la fragilità della vita umana e allo stesso tempo la crudeltà dell’uomo perpetrata nei secoli. Nel gruppo, l’individuo tende a perdere la propria responsabilità, e con essa la propria dignità.

RITORNO. Con questa installazione, l’artista tornerà a Venezia trentacinque anni dopo aver rappresentato la Polonia alla Biennale del 1980. La mostra è realizzata in collaborazione con lo studio di Magdalena Abakanowicz a Varsavia e con la galleria Beck & Eggeling e Sigifredo di Canossa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    "Siamo vicini al punto di non ritorno: no a una Venezia-Disneyland per visite distratte"

  • Cronaca

    Brugnaro ai cinesi: "Investite qui, Porto Marghera è un'opportunità da cogliere"

  • Cronaca

    "La storia si ripete: venerdì pranzo da 1.100 euro per 4 turisti giapponesi a Venezia"

  • Sport

    La battaglia di Salerno: quasi 100 minuti di gol e tensione, sconfitti i veneziani

I più letti della settimana

  • Stavolta se n'è andato per davvero: addio a Mario "Pippi", uno dei personaggi di Marghera

  • Una morte troppo giovane: appassionato di basket, si spegne nel sonno a 21 anni

  • Il giorno di Ramses II: acceso fascio di luce di 12 chilometri su Porto Marghera VIDEO

  • "Ho visto una donna scendere dalla bicicletta e lasciarsi cadere nel Naviglio del Brenta"

  • Andrea è morto per soffocamento, i funerali giovedì a Salzano. Mondo del basket in lutto

  • L'ultimo saluto ad Andrea, in centinaia stretti nel cordoglio: "Regalaci un ultimo sorriso"

Torna su
VeneziaToday è in caricamento