Mistero e visioni oniriche: Jeronimus Bosch in mostra a Venezia al Palazzo Ducale

Una Venezia colta attratta, nel Cinquecento, dal mistero e da visioni oniriche. Oltre 50 opere da tutta Europa ruotano attorno ai tre capolavori “veneziani” di Bosch, restituiti al loro splendore. Una straordinaria tecnologia immersiva e app con realtà aumentata e virtuale per una visita ancora più emozionante. Visioni inquietanti, scene convulse, paesaggi allucinati con città incendiate sullo sfondo, mostriciattoli e creature oniriche dalle forme più bizzarre: è questo l’universo di Jheronimus Bosch affascinante ed enigmatico pittore vissuto tra il 1450 circa e il 1516 a ’s-Hertogenbosch (Boscoducale) in Olanda, ricordato in occasione dei 500 anni dalla morte con due grandi mostre monografiche, rispettivamente nella città natale e al Prado di Madrid.

A questo straordinario artista, Venezia, unica città in Italia a conservare suoi capolavori, dedica a Palazzo Ducale dal 18 febbraio al 4 giugno 2017 una mostra di grande fascino per il pubblico e di notevole rilevanza per gli studi, il cui punto focale sono proprio le tre grandi opere di Bosch custodite in laguna alle Gallerie dell’Accademia - due trittici e quattro tavole - riportate all’antico splendore grazie a una importante campagna di restauri finanziata dal Bosch Research and Conservation Project (brcp) e dalla Fondazione Getty di Los Angeles: Il martirio di santa Ontocommernis (Wilgefortis, Liberata), Tre santi eremiti e Paradiso e Inferno (Visioni dell’Aldilà).

Fondamentale, nella ricostruzione del rapporto di Bosch e Venezia, risulta la testimonianza precocissima di Marcantonio Michiel, conoscitore e critico d’arte, il quale nel 1521, nel descrivere la collezione “lagunare” del Cardinale Domenico Grimani, nomina, accanto a una straordinaria serie di dipinti nord europei, tre opere di Bosch con mostriciattoli, incendi e visioni oniriche: opere che il cardinale alla sua morte, due anni più tardi, lascerà in eredità alla Serenissima Repubblica, insieme ad altre pitture e sculture. Casse piene d’opere rimasero nei sotterranei di Palazzo Ducale fino al 1615, quando un nucleo fu recuperato ed esposto nella residenza dogale.

In realtà due soli lavori del pittore di ’s-Hertogenbosch attualmente conservati in laguna sembrano corrispondere a quelli descritti dal Michiel (della terza opera da lui indicata si sarebbero perse le tracce), ma si ritiene comunque che anche la tavola con la cosiddetta santa Liberata - descritta a Palazzo Ducale nel 1664 dal Boschini e sulla cui autografia c’è sempre stata concordia - fosse in origine nella collezione del nobile ed erudito Grimani.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Il grande Egitto in mostra a Jesolo: reperti da musei internazionali e ricostruzioni in scala 1:1

    • dal 26 dicembre 2017 al 30 giugno 2018
    • Spazio Aquileia
  • "Canova, Hayez, Cicognara", una mostra per i 200 anni delle Gallerie dell'Accademia

    • dal 29 settembre 2017 al 8 luglio 2018
    • Gallerie dell'Accademia
  • "Il mondo che non c'era", l'arte precolombiana torna in mostra a Venezia all'Istituto Veneto

    • dal 12 gennaio al 30 giugno 2018
    • Palazzo Loredan

I più visti

  • Il grande Egitto in mostra a Jesolo: reperti da musei internazionali e ricostruzioni in scala 1:1

    • dal 26 dicembre 2017 al 30 giugno 2018
    • Spazio Aquileia
  • Fantasmi di Venezia: passeggiate serali in laguna, tra miti e leggende "paurose"

    • dal 1 luglio 2017 al 31 ottobre 2018
    • Cannaregio
  • "Canova, Hayez, Cicognara", una mostra per i 200 anni delle Gallerie dell'Accademia

    • dal 29 settembre 2017 al 8 luglio 2018
    • Gallerie dell'Accademia
  • "Il mondo che non c'era", l'arte precolombiana torna in mostra a Venezia all'Istituto Veneto

    • dal 12 gennaio al 30 giugno 2018
    • Palazzo Loredan
Torna su
VeneziaToday è in caricamento