Viaggio nel mondo e nella mente del maestro: presentata alla Misericordia Magister Canova

A disposizione fino a novembre un percorso multimediale dedicato all'artista di Possagno. Musica, immagini tridimensionali e suoni. L'assessore Mar: "Una esposizione moderna"

Un viaggio attorno e alla scoperta dello scultore emblema del Neoclassico, amato da Napoleone che lo voleva stabile a Parigi, tra cultura, ricerca, tecnologia, spettacolo ed emozioni sensoriali. "Magister Canova", allestita negli spazi della Scuola Grande della Misericordia Sestiere Cannareggio 3599, a Venezia, dal 16 giugno al 22 novembre, è una iniziativa che non offre di fatto un incontro diretto con i gessi o i marmi del maestro, presenti tra gli altri al Museo Correr o alla Gypsoteca di Possagno, ma consente al visitatore una immersione multimediale nella genesi del processo creativo dello scultore (1757-1822). 

"Spettacolare percorso multimediale"

"Magister Canova, - ha rilevato Renato Saporito, ad di Cose Belle D'Italia Media Entertainment e supervisore del progetto - è uno spettacolare percorso multimediale che coinvolge il visitatore avvicinandolo alla vicenda canoviana in tutte le sue fasi e i suoi aspetti". Un percorso di narrazione "che spazia dal micro al macro, dalla farfalla di Amore e Psiche al gigante Ercole che scaglia Lica, dalla bellezza senza tempo di Paolina Borghese". 

Percorso di immagini, musica e tecnologia

Il visitatore è accompagnato a percorrere le sei stanze cariche di immagini, anche tridimensionali, dalla voce narrante di Adriano Giannini, che legge anche alcune lettere del giovane Canova, è dalle musiche di Giovanni Sollima. La mostra, curata da Mario Gaudenzio, direttore della Gypsoteca canoviana di Possagno, e da Giuliano Pisani, è aperta da una istallazione site-specific dell'artista Fabrizio Plessi che vuole simboleggiare il viaggio nella mente dello scultore veneto. Per il prossimo anno Cose Belle D'Italia ha in programma un omaggio a Raffaello.

"Un portale sul mondo di Canova"

“Questa mostra aumenta l'offerta culturale già vasta di Venezia, ma declinandola in modo diverso, nuovo, moderno - ha dichiarato l'assessore comunale alla Cultura, Paola Mar - E’ una sorta di portale sul mondo di Canova. Abbiamo così tante cose belle in Italia che spesso non sappiamo declinarle in modo innovativo per renderle più fruibili, per farle apprezzare ad un pubblico più vasto e approfondirne la conoscenza.
 

Potrebbe interessarti

  • Micosi alle unghie: i rimedi fai da te

  • Zanzare: i migliori repellenti naturali per allontanarle

  • Moscerini della frutta: come eliminarli dalla propria cucina

  • Diventare persone mattiniere? Ecco come fare

I più letti della settimana

  • Si tuffa nel Piave: trascinato via dalla corrente scompare un ragazzo veneziano

  • Schianto fra 3 macchine, persone soccorse dal Suem 118 e portate all'ospedale

  • È morto Alex Ruffini, fotografo veneziano del grande rock

  • Pozzecco e la sconfitta: «Al Taliercio non si può giocare. Andate affanculo: spero di perdere la prossima»

  • Schianto in A27, auto fuori strada finisce in un campo: ferite due veneziane

  • «Addetti alla sicurezza non in regola»: il questore mette i sigilli al King's di Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento