"Una collezione veneziana" alla Fondazione Querini Stampalia dal 21 novembre

Cultura veneziana e veneta dal '500 di Jacopo e Domenico Tintoretto al dramma della Prima Guerra Mondiale, raccontata dai bassorilievi di Arturo Martini

Foto: ingresso della Querini Stampalia, immagine d'archivio

Cultura veneziana e veneta dal '500 di Jacopo e Domenico Tintoretto al dramma della Prima Guerra Mondiale, raccontata senza retorica in otto bassorilievi da Arturo Martini, artista chiamato a rivoluzionare la scultura italiana nel '900. "Una collezione veneziana" alla Fondazione Querini Stampalia espone il ricco patrimonio d'arte, d'oggetti e libri raccolto nei decenni scorsi dalla Cassa di Risparmio di Venezia, ora Intesa Sanpaolo. Una raccolta che dal 21 novembre sarà esposta in modo permanente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Violenta collisione in serata, perde la vita un 53enne di San Stino

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

  • Barca finisce in secca, volo dell'elicottero per recuperare quattro persone

  • Controlli e multe nei ristoranti: 225 chili di alimenti sequestrati in un solo esercizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento